Juventus-Barcellona 3-0: Dybala fa il Messi, blaugrana demoliti

Juventus-Barcellona 3-0: Dybala fa il Messi, blaugrana demoliti

Juventus-Barcellona Dybala – La Juventus travolge il Barcellona nell’andata dei quarti di finale di Champions League. Allo Juventus Stadium i bianconeri schiantano i blaugrana con un perentorio 3-0, firmato dall’ispiratissimo Dybala – doppietta – e dal colpo di testa di Giorgio Chiellini. In attesa della gara di ritorno del Camp Nou, Buffon e compagni vendicano parzialmente la sconfitta patita in finale nell’edizione del 2015.

Dybala illumina Juventus-Barcellona

Allegri sceglie l’undici tipo per la super sfida al Barcellona, preferendo Alex Sandro ad Asamoah in quello che era l’unico ballottaggio della vigilia. Nei blaugrana, orfani di Busquets, c’è Mascherano davanti alla difesa, mentre sulla corsia sinistra della difesa opta per Mathieu relegando in panchina sia Jordi Alba che Digne. Come da previsione la Juventus comincia la partita con grande aggressività, pressando alto persino Ter Stegen nel tentativo di bloccare sul nascere l’iniziativa del Barcellona. Il primo squillo è di Higuain al 2′, ma il suo colpo di testa da ottima posizione sugli sviluppi di un calcio di punizione è centrale. I catalani hanno nella tenuta difensiva il proprio limite più grande ed i bianconeri li puniscono poco dopo: Cuadrado entra in area da destra e serve Dybala, che si gira in un fazzoletto e senza neanche guardare la porta fulmina Ter Stegen con un superbo sinistro a giro che si infila sul secondo palo. Per la risposta di un Barcellona meno fluido del solito, bisogna attendere il 20′: Messi è costretto ad agire lontano dagli ultimi 20 metri, ma alla prima occasione in cui ha la possibilità di guardare verso la porta, seppur da lontano, inventa un filtrante geniale per Iniesta, fermato soltanto da un monumentale Buffon. Neanche il tempo di rammaricarsi che la vecchia regola del “gol sbagliato, gol subito” castiga i blaugrana. Pjanic lancia in contropiede Mandzukic, il croato si invola sulla sinistra e serve a rimorchio Dybala: da due passi dentro l’area di rigore la Joya fulmina di prima intenzione Ter Stegen sul suo palo e fa impazzire lo Juventus Stadium. A bordo campo Luis Enrique è una furia, ma il Barcellona non si scuote e fino all’intervallo non crea grossi guai alla retroguardia juventina, fatta eccezione per un gol annullato a Messi per fuorigioco di Suarez. L’ultimo squillo è di Higuain, che impegna Ter Stegen al termine di un’azione simile a quella del raddoppio di Dybala e con Alex Sandro nelle vesti di uomo assist.

Chiellini cala il tris

Ad inizio ripresa nel Barcellona c’è Andre Gomes al posto del disastroso Mathieu, con Mascherano che scala in difesa e con conseguente passaggio dal 4-3-3 al 3-4-3. I blaugrana provano ad aggredire la Juve e sono pericolosi con una conclusione di Iniesta, ma è un fuoco di paglia. Nel giro di pochi minuti i bianconeri sfiorano il 3-0 due volte con Higuain e, sugli sviluppi di un corner, riescono nell’intento grazie a Giorgio Chiellini, bravo a liberarsi della marcatura di Mascherano e a beffare di testa Ter Stegen con l’aiuto del palo. Dopo il terzo gol la squadra di Allegri concede campo al Barcellona e rischia qualcosa: Messi inventa per Suarez, ma Buffon con la punta delle dita manda in angolo. Poi dalla panchina catalana si levano grida di protesta per un presunto fallo di mano in area di Chiellini e per un intervento di Mandzukic, già ammonito, non sanzionato dall’arbitro polacco Marciniak. Poco dopo Cuadrado resta a terra e induce Allegri a sostituirlo con Lemina, mentre a 9′ più recupero dal termine il tecnico toscano concede la standing ovation a Dybala e passa al 4-3-3 con l’inserimento di Rincon. Il Barcellona insiste fino allo scadere dei 4 minuti di recupero ma senza impensierire ulteriormente Buffon. L’attesissima notte di Champions League finisce in trionfo per la Juventus, trascinata da Paulo Dybala nella notte del primo, attesissimo incontro con Leo Messi. L’impressione è che, contro questa Juventus, per il Barcellona sarà complicato ripetere l’impresa degli ottavi di finale, quando rimontò 4 gol di svantaggio al Psg.

Il Tabellino del match

Juventus-Barcellona 3-0 (primo tempo 2-0)

Juventus (4-2-3-1): Buffon; Dani Alves, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Khedira, Pjanic (89′ Barzagli); Cuadrado (73′ Lemina), Dybala (81′ Rincon), Mandzukic; Higuain.
A disp.: Neto, Lichtsteiner, Asamoah, Marchisio.
All.: Allegri

Barcellona (4-3-3): Ter Stegen; Sergi Roberto, Pique, Umtiti, Mathieu (46′ Andre Gomes); Rakitic, Mascherano, Iniesta; Messi, Suarez, Neymar.
A disp.: Cilessen, Jordi Alba, Digne, Carles Pena, Denis Suarez, Paco Alcacer.
All.: Luis Enrique

Arbitro: Szymon Marciniak (POL)

Marcatori: 7′, 22′ Dybala, 55′ Chiellini
Ammoniti: 28′ Dani Alves (J), 54′ Suarez (B), 57′ Iniesta (B), 64′ Mandzukic (J), 74′ Khedira (J), 91′ Umtiti (B), 91′ Lemina (J)
Espulsi:
Angoli: 5-8
Note: recuperi 0’+4′