Bayern Monaco-Real Madrid 1-2: ripresa da incubo per Ancelotti

Bayern Monaco-Real Madrid 1-2: ripresa da incubo per Ancelotti

Bayern Monaco Real Madrid tabellino- Il maestro contro l’allievo, per una finale anticipata in uno stadio più caldo che mai. Ancelotti perde Lewandowski ma conferma la squadra vincitrice contro il Borussia con l’innesto di Neuer e Mueller. Zidane conferma il suo 11 titolare, scegliendo però Nacho al fianco di Sergio Ramos in difesa. I due allenatori si conoscono benissimo e tutti si aspettano una partita molto tattica, ma il talento dei singoli è sempre in grado di far uscire il match dai rigidi schemi regalando emozioni ai tanti tifosi.

Bayern Monaco-Real Madrid, la cronaca del match

I primi minuti sono a favore del Bayern, che con la posizione da jolly tra le linee di Thiago Alcantara mette in difficoltà il pressing madrileno. Robben sfonda diverse volte sul lato destro, ma Mueller è costantemente sovrastato dai due centrali di Zidane. Nonostante tutto è il Real a rendersi protagonista della prima occasione, ma il colpo di testa di Benzema viene smanacciato da Neuer sulla traversa ed il risultato rimane sul pari. I padroni di casa iniziano però a fare la voce grossa e, dopo diversi minuti di continua lotta a centrocampo, riescono a sbloccare il punteggio. Chi di corner ferisce (vedi Napoli) di corner perisce: Vidal sfugge alla marcatura di Nacho e insacca alle spalle di Navas. Ronaldo, Bale e Benzema sembrano tagliati fuori dal gioco ed i tre centrocampisti del Real sono costantemente raddoppiati dai rivali, che ne bloccano le abilità nel servire i compagni. Sul finale di tempo il giudice di porta inventa di sana pianta un rigore per il Bayern su fallo di mano inesistente, ma Vidal spara alle stelle facendo “giustizia”.

Alonso che domina, Ronaldo sotto tono: tutto scontato? Impossibile. A inizio ripresa è proprio Alonso a commettere un fallo ingenuo che gli vale un giallo e, sugli sviluppi della punizione, Ronaldo viene dimenticato in area dai suoi marcatori e firma il pari. Mai…mai dare nulla per scontato. Il Real prende coraggio e schiaccia gli avversari nella loro metà campo, con gli uomini di Ancelotti che iniziano a venire meno anche nei duelli fisici. In fase difensiva sono più disordinati e l’innesto di Asensio in luogo di Bale vivacizza ancor di più gli ospiti. Il calo di intensità e concentrazione del Bayern è rappresentato da Javi Martinez, che prende due gialli evitabilissimi e lascia i suoi con l’uomo in meno. Il tecnico italiano prova ad aggiustare le cose con Bernat per Alonso, ma inizia un assedio totale del Real Madrid arginato dal solo Neuer, a tratti miracoloso. Arrivati al 77′ però neanche la saracinesca può nulla e Ronaldo insacca su cross proprio di Asensio, innesto azzeccato da parte di Zidane. I blitz dei tedeschi sono affidati come sempre a Robben, ma nella ripresa è Ramos a raddoppiarlo frenandone quasi sempre le scorribande. Lo stesso Ramos insacca nel finale, ma viene fermato in off-side. Dal possibile 2 a 0 nel primo tempo ad un 1-2 terribile per Ancelotti, che al Bernabeu dovrà cercare una remuntada quasi impossibile. Si può fare la storia ancora una volta? Lui di certo ci proverà…

Il tabellino

Bayern Monaco-Real Madrid 1-1 (25′ Vidal, 47′ Ronaldo, 77′ Ronaldo)

Bayern Monaco (4-2-3-1) Neuer. Lahm, Boateng, Martinez, Alaba, Alonso (63′ Bernat), Vidal, Ribery (66′ Costa), Thiago, Robben, Mueller (81′ Coman)

Real Madrid (4-3-3) Navas, Carvajal, Ramos, Nacho, Marcelo, Casemiro, Kroos, Modric (91′ Kovacic), Ronaldo, Bale (58′ Asensio), Benzema (83′ James)

Arbitro: Nicola Rizzoli

Ammoniti: Kroos, Carvajal, Vidal, Martinez, Alonso

Espulsi: 61′ Martinez