Il numero decisivo è il 22, Roma fermata dall’Atalanta

Il numero decisivo è il 22, Roma fermata dall’Atalanta

ROMA-ATALANTA 1-1 – Ore 15 e 22 minuti del 15 aprile 2017: è questo il minuto che decide – a meno di epici stravolgimenti – il campionato di Serie A. Al minuto 22 del primo tempo sull’asse Roma-Pescara un uno-due che scava un solco enorme nel campionato: Roma sotto in casa con l’Atalanta per il gol di Kurtic, Juventus avanti a Pescara con Higuain.

La Roma va sotto e non completa la rimonta: decisivi i due pali colpiti nel secondo tempo.

All’Olimpico è arrivata un’Atalanta che si è schierata con una formazione rimaneggiata: pesantissime le assenza di Spinazzola e del Papu Gomez. I ragazzi di Gasperini hanno comunque dimostrato un gran coraggio ed un’incredibile applicazione a livello tattico, quella che è mancata alla Roma. Troppo leggeri i giallorossi su Conti quando serve l’assist del vantaggio orobico, doppia doccia fredda all’Olimpico quando arriva la notizia del vantaggio della Juventus a Pescara.

La ripresa parla romano: Spalletti inserisce Bruno Peres e lascia negli spogliatoi Manolas, con i giallorossi che cominciano a macinare gioco. Molte occasioni da gol per i padroni di casa, che sono stati costretti a fermarsi in due occasioni dai pali della porta difesa da Gollini. Prima De Rossi – splendida coordinazione in rovesciata – e poi Nainggolan, che colpisce l’incrocio dei pali della porta sotto la Curva Sud che probabilmente starà ancora tremando. Nel finale si rimettono in carreggiata gli ospiti e migliorano sensibilmente a livello difensivo quando Gasperini avanza Toloi a centrocampo e lo mette a uomo su uno Strootman troppo libero.

Questa sera la Roma sarà davanti alla televisione con apprensione: se i bianconeri adesso sono a +8, lontanissimi, lo stesso non si può dire del Napoli. In caso di vittoria la squadra di Sarri si porterebbe a due punti dai giallorossi, con la squadra di Spalletti che deve ancora giocare contro la Juventus.

Roma-Atalanta 1-1, il tabellino del match

Roma (4-3-3) Szczesny, Rudiger, Manolas (dal 46′ Peres), Fazio, Mario Rui, De Rossi (dal 78′ El Sharaawy), Strootman, Salah, Nainggolan, Perotti (dall’87’ Totti), Dzeko. Allenatore: Spalletti.

Atalanta (3-5-1-1) Gollini, Toloi, Caldara, Masiello, Conti, Kessie, Cristante (dal 53′ D’Alessandro), Freuler, Hateboer, Kurtic (dal 68′ Cabezas), Petagna (dall’84’ Paloschi). Allenatore: Gasperini.

Marcatori 22′ Kurtic, 50′ Dzeko.

Note ammoniti Kurtic, Hateboer, Gollini, Mario Rui, Rudiger.