SHARE
Fiorentina-Inter, Borja Valero e Matias Vecino tra i protagonisti dell'incontro del Franchi di Firenze - Fonte: ACF Fiorentina Official

FIORENTINA INTER SERIE A – Manita viola al Franchi nell’anticipo del sabato della 33/a giornata di Serie A. Viola avanti con Vecino, l’Inter però ribalta il risultato con Perisic e Icardi. Nella seconda frazione di gioco succede di tutto: Bernardeschi sbaglia clamorosamente un rigore generoso concesso dall’arbitro Valeri, i suoi compagni però non demordono e grazie a Babacar realizzano ben 4 reti in appena un quarto d’ora. Emozioni a profusione nel finale d’incontro, Icardi completa la sua tripletta realizzando due colpi da bomber vero e tenendo fino all’ultimo sulle spine il pubblico presente.

FIORENTINA-INTER 5-4: Doppia rimonta, Perisic e Icardi illudono i milanesi poi si scatenano i toscani che realizzano quattro gol in un tempo di gioco.

La notte del Franchi più che un party di gala sembra l’ultima occasione plausibile per le due formazioni più incompiute di tutta la Serie A di poter strappare il pass per un posto al sole. Fiorentina-Inter nasce su questi presupposti: da una parte i toscani vogliosi di rilanciarsi davanti al proprio pubblico dopo il passo falso commesso domenica scorsa nel derby del Granducato, dall’altra i nerazzurri di Pioli in piena lotta per l’Europa. Il tecnico ex Lazio ha preparato un match di grande intensità, Kondogbia e Gagliardini formano la cinta muraria di centrocampo mentre i tre davanti, in compartecipazione con il guastatore Joao Mario, hanno il compito di pressare alto i portatori di palla viola. Sousa risponde presente con il solito modulo “mantra”: 3-4-2-1 e mezze posizioni, con Milic e Tello ubicati a metà tra gli esterni avversari.

Apre Vecino, poi la rimonta dell’Inter targata Perisic

Il primo squillo dell’incontro è di Perisic, un destro dal limite dell’area che termina la sua corsa in curva Fiesole. Il croato sembra in serata di grazia e ingaggia un duello all’ultimo scatto con Sanchez, con il colombiano che traballa a più riprese sulle sterzate dell’esterno di Pioli, salvo poi riuscire quasi sempre a metterci una pezza. La Viola cresce dopo un buon avvio dell’Inter, la “catena” di sinistra Milic-Borja Valero si muove bene e giostra palloni a profusione con tanti cross che spiovono nell’area di Handanovic. Proprio un suggerimento del laterale croato manda Vecino al tiro da distanza ravvicinata: l’uruguagio è bravissimo a tenere il corpo basso e battere l’estremo difensore nerazzurro. L’Inter abbassa il ritmo evitando di pressare alti i viola, giocandosi la carta del contropiede fulmineo: la dea bendata supporta gli ospiti che in appena 300 secondi ribaltano il risultato grazie a Perisic e Icardi, ispirati rispettivamente dalla verve di Candreva e dalla visione di gioco di Joao Mario.

Fiorentina-Inter, l'esultanza degli uomini di Pioli al gol di Icardi - Fonte: Internazionale Official
Fiorentina-Inter, l’esultanza degli uomini di Pioli al gol di Icardi – Fonte: Internazionale Official

Babacar boom: la manita viola è servita

Al rientro dagli spogliatoi, la Fiorentina non sembra essere in grado di far male all’Inter. L’incontro vive però di scossoni e sensazioni: Babacar combatte con D’Ambrosio in area di rigore, il nerazzurro lo strattona e l’arbitro Valeri concede la massima punizione. Dal dischetto va un sin lì evanescente Bernardeschi che improvvisa uno scavetto a dir poco agghiacciate: la palla non si alza da terra e Handanovic para facilmente. Dagli spalti del Franchi cadono fischi a pioggia all’indirizzo del numero 10 gigliato, Sousa “annusa” la situazione e inserisce Ilicic al posto del carrarino. Proprio lo sloveno imprime il giusto cambio di ritmo ai suoi che trovano l’insperato pareggio grazie al colpo di testa di un magnifico Astori sugli sviluppi di calcio d’angolo dalla sinistra. Le lancette dell’orologio compiono appena un giro che è già tempo di riaggiornare il risultato: Vecino combina bene con Borja Valero e dal limite scaglia in porta un destro preciso che finisce nell’angolino alla destra di Handanovic.

Pioli cerca di scuotere i suoi ma i cambi dei nerazzurri non sortiscono alcun effetto, anzi la situazione va aggravandosi. È infatti ancora la Fiorentina a colpire: mortifera, la formazione di Sousa confeziona contropiedi a campo aperto che mandano al tiro piazzato un ritrovato Khouma Babacar. Al 70′, è splendido il compasso del senegalese che aggira la manona aperta del portiere nerazzurro; dieci minuti più tardi la sua incursione è fatta di rabbia e potenza per una doppietta personale che fissa il risultato sul 5-2. Fiorentina-Inter però non sembra voler finire, ed ecco che a tempo quasi scaduto arriva il tracciante di Icardi che tocca il palo prima di infilarsi alle spalle di Tatarusanu e dona nuove energie nervose ai suoi. La tripletta dell’argentino è servita poco dopo, in pieno recupero grazie ad un’incornata perentoria su calcio d’angolo dalla destra. L’Inter improvvisa un forcing finale con tanto di all in con la Fiorentina che trema sull’avanzata dei nerazzurri, persino Handanovic prova la scorribanda ma con scarsa riuscita: Astori salva prima sullo sloveno, dopodiché mette la parola fine al match murando sulla linea di porta un destro a colpo sicuro di Brozovic.

Tabellino Fiorentina-Inter

Fiorentina (3-4-2-1): Tatarusanu; Sanchez, Tomovic (54′, Salcedo), Astori; Badelj, Vecino, Tello (82′, Cristoforo), Milic; Bernardeschi (58′, Ilicic), Borja Valero; Babacar. All. Sousa.

Inter (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, Miranda, Medel, Nagatomo (74′, Eder); Kondogbia (76′, Brozovic), Gagliardini; Perisic, Candreva, Joao Mario; Icardi. All. Pioli.

Gol: Vecino 23′, Perisic 29′, Icardi 34′, Astori 63′, Vecino 64′, Babacar 70′, Babacar 79′, Icardi 87′, Icardi 92′.

Ammoniti: Astori, Sanchez, Cristoforo, Handanovic

Espulsi:

Stefano Mastini

SHARE