Le migliori giocate di Monaco-Juventus: effetto ‘Pipita’

Le migliori giocate di Monaco-Juventus: effetto ‘Pipita’

MONACO-JUVENTUS GIOCATE HIGUAIN – Riparte dallo Stade Louis II la corsa europea della Juventus di Massimiliano Allegri che dopo aver eliminato il Barcellona in una doppia sfida dal sapore di impresa fa visita per l’andata delle semifinali di Champions League alla compagine allenata da Jardim. Monaco-Juventus chiude infatti il quadro delle semifinali di andata sulla strada verso l’ultimissimo atto di Cardiff. In terra monegasca termina 0-2 con Higuain protagonista assoluto ed autore di una splendida doppietta.

Monaco-Juventus, le migliori giocate

Gioventù ed esperienza

Parte evidentemente meglio la Juventus ma il primo vero squillo in zona goal lo costruiscono i ragazzi terribili di Jardim. Al quarto d’ora i padroni di casa offendono sulla corsia di destra pescando in area di rigore il solito Mbappè. Splendido il movimento in anticipo dell’attaccante classe 1998 che trova però sulla sua strada uno straordinario Gigi Buffon. Il portierone juventino che di anni invece ne ha 39 allunga la manona con un riflesso dei suoi e strozza in gola l’urlo di gioia del nuovo fenomeno del calcio transalpino.

via GIPHY

Arte e qualità

L’azione del vantaggio juventino è da far vedere e rivedere nelle scuole calcio. Un segmento costruito con qualità elevatissima neanche fosse stato disegnato joypad alla mano. Avvia tutto Dybala con un colpo di tacco da visionario che innesca la cavalcata di Higuain. Il ‘Pipita’ cerca e trova Dani Alves sulla destra che con un altro colpo di tacco geniale restituisce palla all’argentino che di prima intenzione pesca l’angolo lontano.

via GIPHY

Istinto e riflessi

In avvio di ripresa, archiviata una prima sfuriata del Monaco, la Juventus si rifà viva con Marchisio che recupera palla in zona offensiva e calcia a botta sicura. Sulla sua strada appare però il gambone di Subasic che con un mix di istinto e riflessi cancella il punto dello 0-2.

Effetto ‘Pipita’

Grazie, Dani Alves, non male i tuoi assist, oggi…” Così ha cinguettato su Twitter la Juventus dopo il raddoppio firmato dal solito asse Alves-Higuain. Dal punto A al punto B con semplicità e qualità. L’ex terzino del Barça disegna alla perfezione un cross che pesca il movimento da bomber vero dell’argentino il quale in spaccata batte Subasic e si lascia andare ad un urlo liberatorio.

via GIPHY

 39 anni e non sentirli

Quando tutto sembrava finito spunta lui: Gigi Buffon. Se la Juventus lascia ancora una volta la porta inviolata deve ancora una volta molto al suo estremo difensore. Le mani esperte del capitano juventino si allungano proprio nelle battute finali sul colpo di testa a botta sicura di Germain consentendo ai suoi di andare allo Stadium con moderata tranquillità.

via GIPHY

di Giuseppe Barone