Poborsky, dal 5 maggio alla festa scudetto della Juventus

Poborsky, dal 5 maggio alla festa scudetto della Juventus

5 maggio 2002 Poborsky – Una carriera passata fra le fila di grandi club come Benfica, Manchester United ed in Italia Lazio: 3 campionati cechi vinti, una Premier League e due Community Shield. Questo il palmarés di tutto rispetto di Karel Poborsky, centrocampista che nel decennio 1995-2005 ha calcato i campi di top club europei. Anche in Nazionale la carriera è stata di spicco, con l’apice raggiunto nell’Europeo di Inghilterra 1996, dove la sua squadra si classificò seconda ed il suo gol su pallonetto venne votato come il migliore del torneo. Nel nostro paese però il ceco è ricordato in particolar modo per una storica doppietta, che ha segnato le sorti di uno dei campionati di Serie A più clamorosi di sempre.

5 maggio 2002, l’uomo che fece la storia

Infatti nella stagione 2001-2002, Juventus ed Inter si giocavano lo scudetto, con i nerazzurri primi all’ultima giornata quando dovevano affrontare la loro ultima avversaria: la Lazio. I biancocelesti erano ormai sesti dietro al sorprendente Chievo, senza più nulla a chiedere eppure qualcosa scattò nella testa e nell’animo dei biancocelesti. Con stupore di tutti infatti i biancoblù giocarono un match di altissima qualità e spiccatamente offensivo, andando a vincere per ben 4 a 2 e “regalando” lo scudetto alla Juventus. Autore della doppietta decisiva fu proprio Karel Poborsky, match winner e ormai storico “nemico” della tifoseria nerazzurra.

La storia d’amore, mai esplicitata o resa nota, fra il centrocampista ex-Lazio e la Vecchia Signora sembra continuare però sui social network. Lo scorso anno Poborsky, presidente della Dynamo České Budějovice, ha infatti condiviso sul proprio profilo Facebook personale il video dei festeggiamenti della “manita” Juventina. Nessun commento, nessuna frase, ma una condivisione che sa tanto di nostalgia per quella doppietta così cara ai bianconeri, per un giocatore amato senza aver mai vestito la maglia della squadra torinese. Attualmente Poborsky ha intrapreso la carriera di dirigente sportivo e di presidente di una società della Synot Liga ceca, senza mai passare per la panchina da allenatore.