sabato, Gennaio 29, 2022

Latest Posts

MotoGP, le pagelle del Gp di Francia: disastro Rossi-Marquez, Vinales gongola

MotoGP pagelle Gp Francia / Dopo il disastro di Jerez, a Le Mans la Yamaha torna a dominare la scena del motomondiale. Quella che sarebbe potuta essere una legittima tripletta è solamente una doppietta, complice la caduta di un Valentino Rossi sugli scudi sino a poche centinaia di metri dal traguardo e ora costretto ad una rimonta in ottica mondiale che sarebbe miracolosa. E’ la domenica di Vinales, ma anche quella del ritorno di un francese sul podio in MotoGP: Johann Zarco da sorpresa si sta trasformando in piacevole certezza, un po’ come quel Maverick Vinales che, sornione, porta a casa la terza vittoria stagionale e piazza un allungo importante sui rivali Rossi e Marquez, altro sconfitto di giornata. Tiene botta il solo Pedrosa, che balza dal quarto al secondo posto mondiale, seppur con 13 punti di ritardo dalla vetta.

MotoGP, le pagelle del Gp di Francia

Maverick Vinales, voto 9 – Dopo due vittorie da dominatore e due prove decisamente sottotono, lo spagnolo piazza una zampata che sa di fuga mondiale. Il suo week-end non è da 10 perchè è forte la sensazione che Rossi avrebbe potuto soffiargli sia la pole che la vittoria. Gli va dato atto di essere di una concretezza e di una freddezza disarmanti per un classe ’95, doti che unite alla velocità dimostrata sin qui – e ai freddi numeri della classifica -lo candidano nuovamente al ruolo di favorito per la vittoria finale.

Johann Zarco, voto 9 – Da sorpresa a certezza. Davanti al pubblico di casa sembra aver trovato quel quid in più che gli mancava per potersi giocare il podio. Podio che arriva unicamente per meriti suoi, visto che anche senza la caduta di Rossi avrebbe chiuso con un sontuoso terzo posto, a conferma dell’ottima qualifica. Manca ancora qualcosina per arrivare a giocarsi anche la vittoria, probabilmente un mezzo leggermente più competitivo della pur ottima Yamaha 2016 che gli fornisce il team Tech 3.

Dani Pedrosa, voto 7 – Dopo il trionfo di Jerez ha rischiato seriamente di incappare in un week-end che lo avrebbe riportato nel limbo in cui è stato nelle ultime stagioni. Invece, complice un buono spunto in partenza, un ottimo ritmo e le cadute di Rossi e Marquez, centra un podio vitale per mantenere vivo il proprio sogno di vincere finalmente un titolo in MotoGP. La classifica dice 2° posto ed il morale è ottimo. Merita di giocarsi le sue chance sino alla fine.

Marc Marquez, voto 5 – Il condizionale è d’obbligo visto il soggetto, ma sembrerebbe in leggero calo. Il fine settimana francese lo vede nell’inedito ruolo di comprimario: spesso a terra – anche in gara -e mai realmente in lotta per la pole position e per la vittoria. La fotografia del momento no è la caduta frutto dell’estremo tentativo di contenere la rimonta del compagno Pedrosa, uno che sino ad un paio di gare fa metteva dietro ad occhi chiusi. Il secondo zero stagionle è pesantissimo, perchè rischia seriamente di compromettere le sue possibilità di arrivare al titolo.

Valentino Rossi, voto 5 – L’insufficienza è d’obbligo, perchè il doppio errore che gli costa prima la vittoria e poi persino i 20 punti del sicuro secondo posto rovina un week-end che aveva il sapore della resurrezione dopo il disastro di Jerez. Il finale sembrava da Rossi dei bei tempi, si è trasformato in uno psicodramma che rischia seriamente di togliergli la forza di lottare nuovamente per il tanto desiderato decimo titolo in carriera. Per lui che aveva fatto della costanza la sua forza, l’impressione è che per rimetterlo in gioco, almeno psicologicamente, ci sia bisogno di un errore da parte di Vinales.

Andrea Dovizioso, voto 6,5 – Una prova tutta consistenza per il Dovi, che riscatta la brutta prova di Jerez e lo smacco ricevuto da Lorenzo chiudendo per distacco come migliore Ducati in pista. Per almeno metà gara riesce anche a girare sui tempi dei migliori, poi è costretto ad arrendersi all’evindente inferiorità della sua moto rispetto a quelle dei concorrenti. Ad ogni modo rispetto agli anni passati sembra almeno avere meno sfortuna, che è già una buona base da cui ripartire.


Latest Posts

Don't Miss