domenica, Dicembre 5, 2021

Latest Posts

Riccardo Orsolini, il ragazzo che ha incantato YouTube

Ha passato una stagione da protagonista in Serie B, incantando gli addetti ai lavori con la maglia dell’Ascoli: adesso Riccardo Orsolini ha iniziato a farsi conoscere dal grande pubblico grazie ai Mondiali Under 20. Lui, classe 1997 e un paragone pesante come quello con Robben alle spalle, non si scuote poi così tanto. A gennaio ha firmato per la Juventus, e dal primo di luglio sarà a disposizione di Allegri (o chi per lui).

Due gol nel girone: Riccardo Orsolini incanta il Mondiale U20

I due gol nel girone del Mondiale di categoria – un calcio di rigore ed un inserimento preciso, niente di così spettacolare da gridare al miracolo – sono solamente la punta dell’iceberg di una stagione fatta di picchi altissimi. Quarantun presenze e otto reti nel suo primo anno da titolare, ma soprattutto una capacità tecnica, e di dribbling, che ha incantato YouTube: è il classico giocatore che viene amato per i video goals&skills. Il precursore di questa categoria è stato, per dire, il Cristiano Ronaldo dribblomane di Manchester. Quando il lusitano ha capito che la squadra è più importante del narciso autocompiacimento – grazie Mourinho – il Real ha iniziato un ciclo da cannibale di tituli.


Possiamo definirlo un ragazzo con un primo controllo niente male
Il paragone con Arjen Robben non è casuale: nonostante di fisico sia longilineo (un metro e ottantatre) il ragazzo ha il passo corto tipico di chi è più basso di lui, qualità che gli permette di coordinarsi con un consumo di spazio e tempo minimi. Questa qualità, ed un mancino e giro niente male, gli sono valsi il titolo di nuovo Robben, una cosa che ha segnato Alessio Cerci per tutta la carriera.

Fenomeno da YouTube

Quando un giocatore sforna giocate a profusione parte la gara dei video tributo. Sono moltissimi i video maker pronti a fare collage delle skills, trasformando la partita in un rituale edonistico pagano dove i figuranti avversari sono trasformati in vittime per la gioia, la gloria e le visualizzazioni. Orsolini, che in sei mesi è passato da essere un ottimo prospetto ad aver firmato per la Juventus, con un video da mezzo milione di visualizzazioni in cui umilia il terzino avversario, deve essere consapevole che l’ultima crescita deve farla nel gioco di squadra.


480.000 visualizzazioni e un terzino traumatizzato
A venti anni, approdato in un top club, non deve aver paura di mettersi a disposizione: troverà gente che ha vinto molto più di lui che mangia il campo in una maniera che lui probabilmente non immaginerebbe. Saper abbassare ed alzare i ritmi, gestire le energie, rimanere mentalmente in partita è quel salto di qualità che gli permetterà di fare una carriera più o meno brillante. Il mondo va veloce: Mbappé, che ha incantato tutta Europa, è un anno più piccolo di Orsolini.

Orsolini gol e Giappone KO

Due gol nel girone, dicevamo, e tanta voglia di crescere. Paul Pogba, quattro estati fa, aveva incantato il mondo nel Mondiale Under 20: ad assicurarselo era stata la Juventus, che ha visto un giocatore fuori categoria per il torneo. Il fuoriclasse francese ha poi dimostrato di essere fuori categoria anche in Serie A, ma questa è un’altra storia. L’esterno destro dell’Italia di Evani, qualificatasi come seconda alle spalle dell’Uruguay, ha attirato i riflettori su di sé: adesso arriva la parte più difficile, quella in cui le attese vanno mantenute.

Il Giappone – sayonara – è archiviato non senza patemi: i nipponici, sotto per 2-0, hanno rimontato e rischiato di eliminare gli azzurrini, che non ci avrebbero fatto una gran bella figura. Il prossimo confronto sarà probabilmente con la Francia favoritissima del torneo con il baby Thuram ed Augustin. I prossimi novanta minuti saranno importantissimi per lasciare in segno nel torneo iridato.

 

Latest Posts

Don't Miss