mercoledì, Dicembre 1, 2021

Latest Posts

El Papu Gomez: da fenomeno del web a star del mercato

La storica cavalcata europea dell’Atalanta firmata Gasperini è il risultato di un giusto mix tra la spensieratezza dei giovani del vivaio e l’equilibrio dei saggi della Dea. I tanti ragazzi lanciati in questa stagione in casa bergamasca hanno avuto due guide di spessore: il Mister dei buoni consigli ed il capo della truppa Alejandro Gomez, per tutti “el Papu”. Assist e gol per il capitano dell’Atalanta, strepitoso sul campo e attivissimo sui social network. Una maturità che arriva a 30 anni, conquistata -insieme all’Europa League- dopo aver girato tanto, partendo dall’Argentina, arrivando in Italia e passando per l’Ucraina. Cresciuto calcisticamente nell’Arsenal de Sarandì, nel gennaio del 2009 si trasferirà al San Lorenzo, dove non vivrà un’esperienza esaltante. Sarà la sua fede per i rivali storici dell’Independiente a creargli qualche grattacapo, addirittura durante una partita i suoi tifosi arriveranno ad applaudire l’arbitro che lo aveva appena espulso. Il Papu esce dal campo a testa bassa. Una scena difficile da immaginare oggi: lui, amato ed apprezzato da tutta Italia, umiliato dai “suoi”tifosi.

El Papu Gomez, dove “baila” il prossimo anno?

È il preludio alla sua lunga esperienza italiana. Meravigliosi gli anni di Catania, poi il passaggio al Metalist. Un errore con il senno di poi. Spaventato dalla guerra e dalle vicende politiche che coinvolgono il Paese, si vede costretto a chiedere la cessione. Niente a che vedere con il calcio spensierato. Ne approfitta l’Atalanta che nell’estate del 2015 lo riporta in Italia. Quest’anno la ritrovata serenità. Trentanove partite sulle spalle (37 in campionato e 2 in Coppa Italia), 16 reti e la media di 65 occasioni da gol create in una stagione (secondo i dati OPTA), Gomez è il principale artefice della splendida stagione atalantina. Genio e sregolatezza che gli permettono di conquistare la Nazionale. Si riprende la “maggiore”, dopo aver militato nell’under- 17 e 20 e lo fa da protagonista. Al debutto nell’amichevole contro il Singapore gonfia la rete con un sinistro dal limite dell’area.  Ma il fenomeno Gomez non limita il suo estro al prato verde, sbarca e sbanca anche sui social network. Meme, foto e video di ogni tipo sono all’ordine del giorno sulle sue pagine Facebook ed Instagram. Con Petagna forma da un anno una coppia virale, coinvolge costantemente la moglie Linda e tagga ex calciatori e tutti i giovani della Dea. Stiamo parlando dell’inventore della “Papu dance”. Un gioco divenuto tormentone, un modo di esultare che ha fatto presto a diventare uno dei singoli più cliccati su Youtube (“Baila como el Papu”, prodotto da Dj Matrix) e più imitati dai colleghi calciofili.

Derby di mercato: romane e milanesi piombano sul Papu

Un Peter Pan che a 30 anni deve decidere cosa fare, ballare ancora a Bergamo o esportare la sua danza altrove? Protagonista inaspettato del calciomercato, le offerte non mancano e parlano romano e milanese. Sarebbe il giocatore ideale per la Lazio di Inzaghi occupando l’eventuale vuoto lasciato dal partente Keita. I rapporti tra le squadre sono buoni, vista anche la situazione Berisha, ma trattare con Lotito si sa non è impresa semplice. Nonostante tutto il suo agente Riso ha discusso in giornata serenamente con la società e, nonostante non abbia lasciato trapelare nulla, non ha precluso alcuna strada. Allo stesso tempo è visto da molti come l’uomo giusto per la Roma, visto l’utilizzo che Di Francesco fa degli esterni, l’ufficiale cessione di Salah e l’opportunità di giocare la Champions. Ma anche in terra lombarda qualcosa si muove: Spalletti vorrebbe far di lui quello che fu Mancini nella sua prima esperienza romana e Montella scalpita all’idea di (ri)avere a disposizione la sua vecchia creatura siciliana. E l’Atalanta? Percassi non resta a guardare, incontra tutti ma non chiude – ancora – con nessuno, le speranze di trattenerlo “fanno scopa” con la paura di non riuscirlo ad accontentare. Il punto a questa storia ancora non è stato messo, sicuramente non ci si limiterà ad un classico comunicato sul sito della società. La fine, come è giusto che sia visto il personaggio, sarà impressa sui social. Insomma Papu, dove balli il prossimo anno?

Di Domenico Marcuccilli

Latest Posts

Don't Miss