SHARE
atletico madrid
L'Atletico festeggia un gol appena segnato (Fonte: @Atleti, Twitter)

C’è una squadra della quale ultimamente si parla poco, ma che nelle ultime stagioni ha fatto molto parlare di sé: L’Atletico Madrid.  I “fratelli minori” dei più blasonati con la maglia bianca del Real hanno concluso la loro stagione con una semifinale di Champions persa proprio contro gli odiati rivali e si sono piazzati terzi in Liga dietro al Barcellona e al Real Madrid. Conclusa la stagione 16/17, per i Colchoneros è tempo di preparare la prossima con importanti novità. Se molti tifosi si attendono un restyling della rosa di giocatori a disposizione di Simeone per tentare l’assalto alla Champions League che è già sfuggita due volte negli ultimi 3 anni entrambe le volte contro il Real Madrid, quegli stessi tifosi hanno avuto modo di pensare ad un diverso tipo di restyling. Per la stagione 2017-2018 infatti, l’Atletico Madrid ha cambiato stemma, cosa che non succedeva dal 1947. Questa decisione da parte della società è stata una vera e propria rivoluzione per il brand dell’Atletico, conosciuto a livello internazionale. 

logo atletico madrid
“El Escudo” versione old e new

La scelta di rendere più moderno “El escudo” come viene chiamato in spagnolo, è stata resa nota già verso la fine del 2016. È stato introdotto nel mese di dicembre e il direttore creativo responsabile del layout finale Bruno Sellés, ha motivato questa scelta dicendo che “La squadra si è evoluta nel corso degli anni, raggiungendo nuovi livelli di popolarità e di risultati. Era logico che il logo evolvesse di pari passo con la squadra”Ha poi aggiunto come il nuovo design sia stato pensato per essere “più facilmente riproducibile e più flessibile”. Se alcuni tifosi hanno condiviso questa scelta societaria, la maggioranza dei supporter “colchoneros” non ha gradito il nuovo logo. Alla notizia dell’ufficialità per quanto riguarda l’utilizzo del nuovo logo a partire dalla prossima stagione, i social sono esplosi e sono state numerosissime le campagne indotte dai tifosi per indurre la società ad un ripensamento. Su tutte ha destato clamore quella portata avanti a colpi di tweet e post con l’hashtag dedicato: #ElEscudoNoSeTocaCiò nonostante pare i tifosi debbano abituarsi presto al nuovo stemma, cosa che ha ribadito lo stesso Bruno Sellés “Comprendo che molti tifosi rifiutino questa innovazione, ma con il tempo assimileranno questo cambio”.

Atletico Madrid: ecco la nuova casa rojiblanca

L’ondata di polemiche e pareri che ha scatenato il restyling del logo non è l’unica. A questa si sono aggiunte anche quelle riguardanti il nuovo stadio dell’Atletico. Dopo 50 anni di partite giocate nel vecchio impianto Vicente Calderòn, l’Atletico Madrid si trasferirà nel nuovissimo impianto che si chiamerà “Wanda Metropolitano”. Il progetto dovrebbe esser terminato entro gli inizi di Settembre, anche se alcune opere collaterali all’impianto principale saranno concluse non prima della fine dell’anno.

fonte: atleticodemadrid.com

Lo stadio avrà una serie di poltroncine rosse intervallate con alcune di color bianco che andranno a comporre il nome della società sulle tribune. Tutto intorno i colori predominanti saranno il rosso e il bianco, come da tradizione. Questo notevole passo verso la modernità è piaciuto molto ai tifosi, i quali hanno già occupato 53.000 posti nel nuovo stadio su 68.000 posti disponibiliIn attesa delle manovre di restyling della rosa e dell’inizio della nuova stagione i “colchoneros” tra nuovo logo e nuovo stadio, di certo hanno di che parlare.

 

Di Ruben Cazzola