SHARE
Bonucci maglia Codacons
Leonardo Bonucci, foto juventus.com

Beffa: è questa la sensazione vissuta da molti tifosi juventini dopo la cessione di Leonardo Bonucci al Milan.  Perché molti di loro, proprio qualche giorno prima della chiusura dell’affare, avevano acquistato la maglia del difensore. Ed è accaduto che qualcuno, dopo aver sfogato la delusione e la sua rabbia sui social network, si sia recato allo Juventus Store per chiederne la sostituzione. Un tifoso però si è visto negare questa possibilità, ed è anche per questo che sulla questione è intervenuto il Codacons: «Appare doveroso consentire di sostituire la maglietta acquistata del difensore bianconero con la maglia di un altro giocatore juventino. Nessuno si poteva aspettare che in pochi giorni Bonucci si sarebbe trasferito al Milan, non consentire al consumatore di cambiare la maglia rappresenterebbe una doppia beffa», viene spiegato in un breve comunicato.

Insomma, la posizione della nota associazione che tutela i diritti dei consumatori è abbastanza chiara e precisa, così come la rabbia e la delusione dei tifosi bianconeri. Il caso Bonucci vive dunque la sua ennesima puntata: la sensazione è che si tratti di una telenovela ben lontana dall’essere conclusa. Una vera e propria storia infinita, come tante nel mondo del calcio. E magari c’è già chi prova a immaginare come sarà accolto il difensore allo Juventus Stadium il giorno di Juventus-Milan: c’è ancora del tempo, ovvio. Per ora resta solo da chiedersi quanti juventini si presenteranno agli Store, con la maglia numero 19, pronunciando: «Scusi, gentilmente me la può cambiare?». Esercitando, evidentemente, un loro diritto.

di Gianpiero Farina