lunedì, Gennaio 24, 2022

Latest Posts

Compleanno e addio: Pasquato lascia la Juventus dopo 14 anni

Il sogno finisce oggi per un ragazzo juventino cresciuto nel mito di Alex Del Piero, ed accostato proprio alla mitologica icona bianconera agli albori della propria carriera. Parliamo di Cristian Pasquato, fantasista classe 1989 che proprio oggi nel giorno del suo 28esimo compleanno lascia definitivamente la Juventus. Si interrompe oggi in via ufficiale il suo sogno di vestire la casacca bianconera anche in prima squadra, dopo anni da nomade in lungo e in largo per lo stivale, e non solo. Pasquato è infatti ufficialmente un nuovo attaccante del Legia Varsavia. A dare l’annuncio è stato proprio lo stesso club campione di Polonia in carica, che ha postato su Twitter la seguente foto:


Calciomercato Juventus, bye bye Pasquato: addio dopo 14 anni

Cristian Pasquato ha vissuto tutta la trafila nel settore giovanile della Juventus senza però compiere il passo finale: entrare a far parte della prima squadra in pianta stabile. Per lui una sola presenza nel 2008 ad anticipare una lunghissima serie di prestiti. L’ormai ex bianconero ha infatti vissuto la bellezza di 11 prestiti consecutivi interrompendo proprio oggi questa striscia impressionante con il passaggio definitivo al Legia Varsavia. Un addio dopo ben 14 anni tra settore giovanile e prima squadra, interrotti proprio nel giorno del suo compleanno e costantemente vissuti all’ombra di Del Piero. Un paragone spesso portato avanti in tenera età ed alimentato anche dalla critica per il suo modo di calciare le punizioni. Gli anni però passano per tutti e la bella speranza di Pasquato è rimasta semplicemente una promessa inespressa. Lo stesso calciatore un anno fa ai microfoni di ‘Itasportpress.it ‘disse: “Dal 2003 sono bianconero… ed è sempre stato un onore appartenere alla Juventus. Ringrazierò la società per tutto quello che ha fatto in questi anni per me. Sicuramente il fatto che la Juve sia obbligata a vincere non ha aiutato nè me, nè i ragazzi più giovani, ma se non sono lì, è perché probabilmente non merito di starci o magari perché non mi reputano un giocatore da Juventus. Ma a questo non ci penso più, forse quando ero più giovane non lo accettavo ma ora penso alla mia carriera e a sfruttare le occasioni che mi capitano. Ovvio però che tornare alla Juventus rimane un sogno”.

Latest Posts

Don't Miss