martedì, Gennaio 25, 2022

Latest Posts

Juve, a tutto Buffon: “Bonucci sa cosa penso, Berna e Szczesny grandi operazioni”

Ha parlato Gigi Buffon e, come al solito, lo ha fatto da leader, da capitano vero, da personaggio mai banale. Le dichiarazioni del portiere della Juventus ai taccuini di Tuttosport, hanno toccato tutti gli argomenti dell’estate, del presente e del futuro bianconero. Da Dybala e Bonucci ai nuovi arrivi, passando per la Champions e per l’ultimo anno (forse?) della sua immensa carriera. Già, perché giunto alla diciassettesima stagione in bianconero, è inevitabile pensare al domani di SuperGigi: “Personalmente non voglio parlarne, perché i tormentoni a me stanno sulle scatole. Però dico che è elettrizzante, come in tutte le cose vissute nei luoghi che sai di non poter più visitare: cerchi di cristallizzare ogni immagine o emozione“. La voglia di fare bene c’è ed è ancora tanta, anche se quest’anno non mancherà la concorrenza: “Voglio rendere questa stagione formidabile, con prestazioni all’altezza del mio nome e con la Juve ai livelli che merita. Szczesny? Operazione giustissima perché il futuro è suo. L’anno scorso è stato il miglior portiere del campionato. Spero di poterlo aiutare. Abbiamo un bel gruppo di portieri

Mercato Juve: Buffon promuove De Sciglio e Bernardeschi

Il capitano bianconero ha poi speso parole anche per gli altri nuovi arrivi: “De Sciglio mi auguro possa ritrovarsi. E’ un ragazzo che, non so perché, si è trovato in una fase di stallo. Per questo a volte devi cambiare ambiente e ora come ora nulla più della Juve può aiutarti in questo. Bernardeschi è una grande operazione societaria, un talento puro e con enormi margini di miglioramento tecnici e fisici. La 10 a lui? Maglia pesante, non so se gliela darei”. Mentre a chi gli chiede di un possibile partente, tipo Dybala, Buffon risponde: “Se uno dovesse andare dietro alle voci…il mondo social rende tutto più instabile e precario, ma le dichiarazioni di Dybala e della Juve hanno peso”.  Un giocatore, tuttavia, è partito davvero, nel clamore generale: Leo Bonucci. “Leo penso sentisse dentro di sé il bisogno di una nuova sfida, quella del Milan lo avrà intrigato. Ce ne facciamo una ragione se non c’è più Bonucci. Lo ringrazieremo sempre per quello che ha dato e per quanto si è speso per la causa. Abbiamo messaggiato, gli ho detto il mio pensiero che rimane tra noi. Gli vorrò sempre bene, avevo una empatia molto forte, è cresciuto tanto in questi sette anni, sia come calciatore sia come temperamento e carattere. Non mi sento tradito perché è andato al Milan, ognuno ha la propria situazione personale e familiare che ha un peso e quindi anche sulla base di quello si fanno delle scelte”. Ma a prescindere da chi c’è o chi va via, Buffon traccia gli obiettivi per la prossima stagione: “La Champions per me è sempre stata uno stimolo, non ha un’accezione negativa, non è un’ossessione. Attendo un campionato equilibrato, nel quale possano tornare squadre che hanno passato stagioni di decadenza. La Serie A sarà più godibile“.

 

 

 

Latest Posts

Don't Miss