SHARE
borussia bayern supercoppa
Fonte: foxsports.it

In Germania la chiamano il klassiker, e come in Spagna e in Italia è la partita più attesa dell’anno, il confronto fra le due squadre più forti e più antitetiche del campionato. Se in Spagna è Barcellona-Real Madrid, e in Serie A si gioca Inter-Juve, la Bundesliga regala ai propri spettatori Borussia Dortmund-Bayern Monaco, che stasera si affronteranno per la Supercoppa di Germania. Il match è in programma alle 20:30 al Signal Iduna Park di Dortmund, e in Italia sarà visibile solo su Fox Sport.

Supercoppa di Germania, i precedenti

L’incontro fra le due squadre più note del football germanico si sfidano in Supercoppa per la quinta volta in sei anni, en plein interrotto dall’edizione 2015 con il Wolfsburg vincitore contro il Bayern. Le recenti edizioni invece sono si sono svolte sempre fra questi due club, che a pari numero di vittorie del trofeo (5 e 5), stasera si contenderanno anche il primato in bacheca. Gli ultimi due incontri fra i bavaresi e i gialloneri hanno visto una vittoria per parte: nel 2014 vinse Klopp con un 2-0, stesso risultato lo scorso anno per Ancelotti. Tendenzialmente la squadra favorita è sempre il Bayern Monaco, che in effetti sembra essere la più attrezzata anche per la vittoria finale del campionato. Tuttavia quest’anno le cose sembrano stare diversamente.

Il Bayern Monaco

Il Bayern è decisamente fuori forma. Come ipotizzava Giuseppe Bergomi durante la telecronaca di Bayern-Napoli, Ancelotti potrebbe aver puntato su una preparazione a lungo termine più che a una forma fisica da effetto immediato. I bavaresi tra l’altro hanno due grandi, grandissimi nuovi acquisti da presentare tra i primi undici, ovvero James Rodríguez e Tolisso. Al contrario, dopo tanti anni non sarà più in campo Philippe Lahm, eterno capitano da sempre protagonista nei campionati del Bayern. Chi potrebbe invece giocare, o finire comunque in panchina, è Thomas Muller, la cui scintilla con Ancelotti non sembra esser propriamente mai scoppiata. Poche presenze per lui lo scorso anno e una posizione inusualmente molto distante dalla porta. Il Bayern di stasera non sarà il migliore mai presentatosi alla sfida, perché anche a livello mentale i giocatori di Ancelotti sembrano aver accusato le pesanti critiche della stampa. Il gruppo è formato da personalità forti ( Lewandowski, Neuer, Hummels, Vidal) e sanno cosa vuol dire “reggere la pressione”, ma stavolta neanche la pacata e docile ramanzina di Ancelotti in conferenza stampa è riuscita a mascherare il clima un po’ teso nello spogliatoio. I bavaresi hanno perso 4 amichevoli su 5 e presentando fattori totalmente invertiti agli standard della Ancelotti band: pochissimi gol segnati (4) e tanti, troppi subiti (14). L’ex allenatore del Milan dovrà reinventarsi una difesa priva del pilastro Boateng, ma anche di Alaba e Bernat; davanti il riferimento sarà ovviamente Lewandowski, con Coman interprete sulla fascia e chance da titolare per Muller. Questa la probabile formazione:

( 4-2-3-1) Ulreich; Rafinha, Hummels, Martinez, Friedl; Vidal, Tolisso; Coman, Muller, Ribery; Lewandowski

Il Borussia Dortmund

Volto nuovo sulla panchina giallonera: Peter Bosz ha rilevato il ruolo di Tuchel dopo l’ottima annata con l’Ajax conclusa con un secondo posto e una finale di Europa League. Il Borussia, seguendo la scia del Bayern, non ha disputato un pre-campionato troppo esaltante: l’ultimo test ha visto uscire sconfitti Goetze e compagni per 1-0 contro l’Atalanta. La squadra è in rodaggio e ha mostrato comunque un buon calcio, ma il lavoro da fare è parecchio e la grana Aubameyang tiene ancora banco nello spogliatoio. Il giocatore oramai ha dichiarato di voler partire ma paradossalmente rimane l’uomo di punta dell’attacco giallonero: stasera infatti il gabonese sarà titolare nella Superocoppa in cui è già stato marcatore. L’elevato impiego abituale di giovani operata dalla dirigenza non ha portato all’acquisto di nomi altisonanti a eccezione di Dahoud, anch’egli parte integrante della “linea verde”, ma certo il potenziale offensivo del club tedesco è alto. Tralasciando l’ipotetica partenza di Dembele, questo potrebbe essere l’anno di Pulisic, gioiello made in USA su cui Bosz ha dichiarato di puntare a differenza di Emre Mor, oramai poco considerato. Per la partita Bosz non avrà Goetze (ancora non al top) e Guerreiro, per non parlare del talentino di casa Weigl e il veterano Schmelzer. Oltretutto il Borussia giocherà in casa, in un Signal Iduna Park tutto esaurito che quest’anno può sfruttare la ghiotta occasione di un Bayern in coma per vincere il trofeo. Titolare certo sarà la star del mercato giallonero Mahmoud Dahoud, salatamente prelevato dal Borussia Mönchengladbach . Questo lo schieramento scelto da Bosz:

(4-3-3) Burki; Piszczek, Bartra, Sokratis, Zagadou; Sahin, Castro, Kagawa; Dembélé, Pulisic, Aubameyang

Il pronostico

In una sfida che ha negli anni sempre garantito spettacolo e divertimento, nonché un’assidua presenza di campioni, quest’anno non ci si aspettano ritmi altissimi viste le condizioni delle due squadre. Ancelotti sa cosa vuol dire vincere trofei, mentre Bosz sta ancora imparando con caparbietà. Tuttavia il Bayern non sembra essere il favorito per alzare il trofeo stasera, viste le imbarazzanti prestazioni contro avversari di minor calibro che hanno abbassato le stime dalle parti dell’Allianz Arena. Il Borussia invece sembra voler crederci di più, ma attenzione ai passi falsi. In sostanza il Bayern può vincere di misura e ribaltare tutte le critiche ricevute in queste settimane, spedendo nel baratro i gialloneri, o confermare la pessima situazione con una pesante sconfitta. Verdetto al campo, come sempre.

 

di Riccardo Belardinelli