SHARE
Joao Cancelo, Valencia
Joao Cancelo, Valencia - Pronto a sbarcare a Barcellona

L’Inter sembrerebbe essere attiva sul mercato. Dopo le partenze di Murillo e Medel ecco un nuovo arrivo: Joao Cancelo. Il terzino portoghese si trasferisce nel club nerazzurro per 25 milioni di euro più il cartellino di Goeffrey Kondogbia, giocatore finito ai margini del progetto tattico di Spalletti. Cancelo è un terzino atipico per gli standard di Spalletti: i suoi punti di forza sono la velocità e l’abilità del crossare, meno l’abilità nel tenere in fase difensiva. Nonostante ciò può essere una pedina fondamentale in fase di contropiede come attestano i suoi numeri e le statistiche sulle sue prestazioni. Cerchiamo di conoscere più nel dettaglio il giocatore portoghese.

Joao Cancelo, numeri e caratteristiche

Terzino destro dalle grandi doti offensive, Cancelo potrebbe essere schierato anche come esterno di centrocampo al posto di Candreva. La sua corsa e la sua abilità in zona cross lo rendono un profilo ottimo da utilizzare sulla fascia. A fare da biglietto da visita ci sono anche le tre reti siglate in nazionale, sebbene contro compagini con un basso tasso tecnico. Unico neo? La mancanza di continuità in fase di copertura. Il portoghese alterna ottime prestazioni a prove insufficienti, dunque il suo ambientamento istantaneo nel campionato di Serie A non sarebbe poi così scontato viste le palesi difficoltà nel difendere. I numeri però sono dalla sua parte: Cancelo ha fatto registrare una percentuale del 72% nei passaggi effettuati, il 59% nell’accuratezza del tiro e 22 chances create secondo Squawka. Dati che lo rendono uno degli identikit ideali specialmente in zona offensiva.
Con l’arrivo di due nuovi terzini (Dalbert e Cancelo) l’Inter rinforza un retroguardia che nella stagione precedente ha fatto emergere delle lacune evidenti che la società sta pensando di colmare con un mercato che ancora non sembra essere chiuso. Serve infatti assolutamente un difensore centrale vista la partenza di Murillo ed i continui acciacchi di Ranocchia. Spalletti nel mentre sorride, consapevole del fatto di aver pescato in acque spagnole un laterale tuttofare.

 

di Giovanni Benvenuto