SHARE
Domenico Berardi, Sassuolo - FRonte: Serie A Twitter
Domenico Berardi, Sassuolo - FRonte: Serie A Twitter

Domenico Berardi è sempre sulla bocca di tutti. Per le qualità balistiche indubbiamente fondamentali ma anche per una mera volontà di mai sopito calciomercato. Al Sassuolo ormai da anni, in molti vorrebbero vedere il ragazzo spiccare il volo verso un grande club. Tra le squadre top italiane non ce n’è una che non l’abbia cercato: nell’ultima sessione di mercato, a quanto pare, il Napoli è stato vicino a prenderlo e cercherà di tornare all’assalto nella prossima annata. Ma un messaggio importante agli azzurri e a tutte le altre pretendenti del ragazzo arrivano dal Presidente del Sassuolo Giorgio Squinzi: il patron usa bastone e carota nei confronti del calciatore, finendo per dettarne anche il prezzo.

Quanto vale Berardi? La sentenza al patron Squinzi

Berardi è rimasto un altro anno al Sassuolo, nonostante l’addio di Di Francesco: una grande vittoria per Squinzi. “Sono molto felice per lui perché nessuno ha smesso di credere nelle sue qualità”, ha spiegato. Peraltro è arrivato anche il rinnovo del contratto fino al 2022, che però non mette a tacere le voci di mercato: “Abbiamo adeguato la situazione contrattuale in modo da fargli passare la voglia e la tentazione di andare via“, rivela. Squinzi. Che poi lascia spazio ad una confessione: “Vorrei che diventasse la nostra bandiera, è il mio sogno”.
Ci sono però davvero tante squadre interessate al talento italiano. Così Squinzi preferisce mettere subito le cose in chiaro: “Come minimo vale 40 milioni, non è assolutamente inferiore né a Schick né a Bernardeschi. Anzi: come minimo è al loro livello, se la gioca tranquillamente con i due”. Queste parole basteranno a far diventare Berardi una bandiera del club? In molti sperano non sia così ma Squinzi sa bene che i sogni, spesso, possono anche diventare realtà.

SHARE