martedì, Dicembre 7, 2021

Latest Posts

Immobile-Milan, tutto quello che (non) è successo

Nel day after della clamorosa sconfitta del Milan all’Olimpico l’uomo su tutte le copertine è sicuramente Ciro Immobile, ieri autore di una tripletta. Fra le tante notizie e giudizi espressi sul match giocato, emerge anche un curioso aneddoto di calciomercato: Immobile poteva essere del Milan, ma per una promessa di Lotito non lo è stato. A quanto pare il presidente Lotito avrebbe detto no alla richiesta di Mirabelli dell’attaccante napoletano, rifiutando così un’offerta di circa 30 milioni di euro. Tutto è nato da un’incontro tra Alessandro Moggi, agente di Immobile, e il duo Fassone – Mirabelli, meeting avvenuto il 27 aprile a casa Milan in un periodo in cui in via Aldo Rossi sono stati pizzicati fiumi di procuratori. Dopo una prima chiacchierata le parti si erano lasciate con un ipotetico accordo e perfino una bozza di contratto, ma il vero ostacolo era la dirigenza laziale. Lotito aveva promesso al tecnico Simone Inzaghi di mantenere integro il reparto offensivo biancoceleste ad eccezione del solo Keità Balde, poi realmente ceduto al Monaco. Quindi Immobile era stato assicurato dal presidente al proprio allenatore e alla richiesta di avviare una trattativa con una diretta concorrente il patron laziale non ne ha voluto sapere nulla. Immobile non si muove da Formello per alcuna cifra, parola di Lotito. Il retroscena quindi ha del clamoroso se si pensa a come ieri il bomber di Torre Annunziata abbia annullato i rossoneri con tanto di polemica con Bonucci. Evidentemente Inzaghi ha voluto ripagare la promessa e la parola di Lotito regalando al suo “capo” una vittoria di prestigio, ottenuta proprio grazie a quella promessa.

Latest Posts

Don't Miss