martedì, Dicembre 7, 2021

Latest Posts

Milan, ecco l’Austria Vienna: tante le insidie nel primo match

È passato quasi un mese dall’ultima partita del Milan in Europa. Era il 24 agosto e il Milan, dopo aver vinto in scioltezza la gara di andata del preliminare di Europa League per 6-0, si confermava anche in quella di ritorno battendo lo Shkendija con uno score totale di 7-0. Grazie a quel successo i rossoneri hanno avuto pieno accesso alla fase a gironi dell’Europa League dopo 3 anni di assenza dalle competizioni europee. Nel sorteggio di Montecarlo il Milan ha pescato come avversarie nel girone D: Austria Vienna, Rijeka e AEK Atene. La prima partita in calendario per i rossoneri è la trasferta di Vienna.

La sfida tra queste due squadre ha già un valore molto alto prima che si giochi effettivamente la partita, poichè quello di domani tra Austria Vienna e Milan sarà il primo confronto nella storia delle due squadre, che non si sono mai affrontate prima. L’Austria Vienna è una squadra che milita nella Bundesliga austriaca ed è la squadra più titolata d’Austria. In Europa ha avuto sempre un cammino altalenante: ha peso una Coppa delle Coppe e come massimo risultato in Champions League ha raggiunto la semifinale nel 1978-79. Oggi, la squadra è guidata dal tecnico Thorsten Fink, ex giocatore del Bayern Monaco. Rispetto al Milan l’Austria Vienna può contare su un organico che dovrebbe essere tecnicamente meno preparato dei rossoneri. Uno dei giocatori più in forma è sicuramente è il capitano Raphael Holzhauser, centrocampista tuttofare molto abile nei calci piazzati. Tuttavia la partita dovrebbe essere agevole per gli uomini di Montella: la squadra di casa sta attraversando un momento difficile trovandosi a metà classifica e viene da un pareggio nell’ultima gara di campionato.

La disposizione tattica dell’Austria Vienna dovrebbe essere un 4-1-4-1 con Handzikic; De Paula, Kadiri, Westermann, Martschinko; Serbest; Tajouri, Holzhauser, Prokop, Pires; Monschein. Per i rossoneri dunque sembra una partita sulla carta agevole, non avendo l’Austria Vienna una squadra ricca di talento, ma il Milan potrebbe soffrire l’organizzazione tattica della squadra austriaca unita ad una situazione ambientale che cornici come il Prater di Vienna sanno regalare in serate particolari. Sarà importante non sottovalutare l’avversario per cominciare al meglio un cammino che i tifosi rossoneri sperano sia il più lungo possibile in Europa League e per evitare brutte figure al primo incrocio assoluto nella storia contro la squadra austriaca.

Latest Posts

Don't Miss