SHARE
FOTO: Twitter

Uno schiaffo doloroso come definito dal presidente Oreste Vigorito. Il Benevento esce con le ossa rotte dal derby contro il Napoli. Un 6-0 pesantissimo, a tal punto che per trovare una sconfitta del genere nella storia del club bisogna risalire addirittura al campionato di IV serie nella stagione 1956-57. Non ha avuto pietà il Napoli delle difficoltà dei sanniti. Una squadra che voleva riscattare il ko in Champions contro un avversario alla sua prima stagione in serie A e zeppa di infortuni. Il Benevento ci ha messo il cuore, ma non è bastato. Troppo il divario tecnico tra le due formazioni, troppo spavaldo l’atteggiamento degli uomini di Marco Baroni con una difesa alta con la quale il Napoli è andato a nozze. Il calcio però insegna che la maturità di una rosa passa anche per queste debacle, l’importante però è non farsi prendere dallo sconforto come avvenuto nel secondo tempo. L’esempio per trovare il riscatto dopo quattro ko consecutivi può arrivare dagli straordinari tifosi del Benevento presenti al San Paolo. Nonostante una partita segnata fin dai primi minuti, i supporters delle Streghe hanno continuato ad incitare i propri giocatori per tutta la partita, lo spirito giusto per ripartire. Il calendario offre subito l’occasione per riscattarsi, contro la Roma in casa nel turno infrasettimanale. Un’altra big da affrontare, questa volta in casa dove nonostante le sconfitte il Benevento ha mostrato gioco e tanta intraprendenza.

Benevento, Baroni in bilico pensa al cambio di modulo

La sfida contro i giallorossi rappresenta un esame fondamentale per la squadra e per il futuro dell’allenatore Marco Baroni. Già in bilico dopo la doppia sconfitta in casa, la dirigenza del Benevento continua a difendere l’operato del proprio allenatore  “Marco Baroni ha conquistato la nostra fiducia facendo un ottimo campionato di serie B e rinnovare la fiducia significherebbe dire che qualcuno ha un dubbio. Noi non abbiamo dubbi e laddove il rapporto si dovesse incrinale, il primo a saperlo sarebbe lui. La fiducia non viene mai meno improvvisamente, continueremo la strada con l’allenatore attuale che dovrà trovare una soluzione ai problemi. La squadra di ieri non era la stessa vista contro il Torino”. Parole di fiducia che daranno la carica giusta all’allenatore pronto però a rivoluzionare la sua squadra: “Cambierò modulo, così non va. Il Benevento proverà a rialzarsi subito, cercando maggior equilibrio. Chiediamo scusa ai nostri tifosi dopo il quarto ko in campionato”.