SHARE

Il caso Valbuena-Benzema evidentemente non ha insegnato molto ai calciatori francesi che giocano in Nazionale. Ancora una volta un giocatore è vittima di ricatto per un video compromettente, in questo caso però riguardante “solo” le parole proferite dallo stesso. Il calciatore in questione è il terzino del PSG e della Francia Layvin Kurzawa, che sarebbe stato pizzicato al centro di una polemica davvero pesante.

Un video incastra Kurzawa ma per il calciatore finisce bene

I fatti sono molto chiari: il terzino sarebbe stato ricattato da alcune persone che lo avrebbero ripreso, in compagnia di amici, mentre parlava male del C.T. della Nazionale Didier Deschamps. Lo stesso Kurzawa sarebbe quindi stato ricattato proprio da questi personaggi, che avrebbero richiesto una cifra di 100.000 euro per non diffondere il video e mantenere dunque il silenzio. Il calciatore però ha avuto il coraggio di fare ciò che altri non avrebbero fatto, ovvero denunciare alla polizia il tentativo di estorsione da parte dei loschi figuri. Un paio di queste persone sarebbe anche già state rintracciate e saranno ovviamente punite per il gesto che hanno cercato di compiere ai danni del calciatore. Si è dunque sfiorato una sorta di incidente diplomatico, anche se le conseguenze sportive per Kurzawa sono tutte da vedere: la voce ormai si è sparsa e non è detto che Deschamps non possa comunque prendere provvedimenti dopo la scoperta di queste dichiarazioni poco lusinghiere nei suoi confronti. Intanto, almeno Kurzawa ha evitato che il video girasse su internet, in modo da non far aumentare le proporzioni dello scandalo.