domenica, Dicembre 5, 2021

Latest Posts

Milan, Suso giura fedeltà: “Mi volevano tutti, ma ho scelto il Milan”

Il Milan per il secondo anno consecutivo si coccola Suso, che da quando è arrivato Montella è stato uno dei giocatori più utilizzati ni assoluto. Eppure all’inizio le cose non erano andate bene, come dichiara in un’intervista al Fatto Quotidiano: “Inzaghi mi ha visto poco. D’estate ho chiesto di giocare o di andare in prestito: per Mihajlovic, dopo la prima partita, sono scomparso. Così sono andato al Genoa. A Gasperini devo molto”. Poi è arrivato l’Aereoplanino e in campo ha trovato la sua posizione ideale: “Sono abituato alla filosofia spagnola. Da noi siamo più elastici, invece qui o fai l’esterno o fai la seconda punta. Mi sento più libero come esterno destro, ma faccio quello che mi viene chiesto e credo di poter essere utile anche come seconda punta. Nessun problema”. Mentre per la prima volta in questa stagione (agosto, ndr) è arrivata la convocazione in Nazionale, tutto un altro mondo: “Quando entri nello spogliatoio e vedi tutti quei campioni, capisci che è già tanto essere lì. Per esempio: Busquets sembra bravo, ma non “così” bravo. Poi lo vedi da vicino e dici: “Accidenti, questo è fortissimo!”. Ecco: la Spagna è tutta così”. Mentre il Milan non è mai stato in discussione per lui, tanto da rifiutare Napoli e Roma: “Vero, ma io sto benissimo al Milan e Montella è molto bravo. Ogni volta che mi arrivava una proposta, andavo dalla società e dicevo: “Mi vuole il Napoli”. E loro: “Tu resti qui”. E io: “Ottimo, è quello che desidero pure io”. Infine una battuta sulla cultura calcistica italiana: “C’è una cosa che di voi italiani capisco poco. La fissazione per il fantacalcio. Se mi fermate è per dirmi: “Ehi, ti ho comprato al fantacalcio, devi segnarmi!”. Non vi importa se una squadra vinca o perda: vi importa che io segni. E non lo fate neanche per soldi. Siete un po’ strani, eh”.

Latest Posts

Don't Miss