Ancelotti elogia il Psg: “Ora sono dei grandi ma non ho paura”

Ancelotti elogia il Psg: “Ora sono dei grandi ma non ho paura”

Domani sera grande appuntamento a Parigi per la sfida di Champions fra il Psg e il Bayern Monaco dell’ex Carlo Ancelotti, amatissimo e stimato dalla tifoseria parigina per il campionato vinto sotto la Tour Eiffel nel 2013. Ancelotti è stato allenatore dei per due stagioni, dal 2012 al 2013, e domani affronterà una squadra molto più forte di quella da lui allenata per sua stessa ammissione: “Il Paris Saint-Germain si è trasformato in un grandissimo club. A Parigi, dopo gli arrivi di Neymar e Mbappe’ si sta cercando un’identità e un equilibrio, ma sono già al livello dei migliori. Non ho paura. Ho molto rispetto, questa formazione è migliorata notevolmente e la loro linea d’attacco non ha nulla in meno di Bayern, Real o Barcellona. È lo stesso livello. Comunque non giocheremo solo contro Mbappe’, Neymar e Cavani, ma contro una squadra solida, ricca e densa. Il PSG non è solo questi tre giocatori”. Al Parc des Princes Ancelotti troverà tanti suoi ex pupilli sui quali ha detto: “In me domina un sentimento di eccitazione. Ci confronteremo con un gruppo che ha acquisito tanta esperienza e che ha fatto importanti investimenti. Sono felice di rivedere lo stadio, la tifoseria e giocatori come Thiago Silva, Rabiot, Verratti, Motta e Pastore. Abbiamo instaurato un bel rapporto e lo manteniamo ancora. Sono in contatto anche con il presidente. Quando penso a Parigi sono contento. E’ stata una bella esperienza sia dal punto di vista privato che professionale”. Il tecnico dei bavaresi dunque non teme la sfida contro una delle squadre più forti d’Europa, e tuttavia anche il Bayern, dopo un’inizio non dei migliori, vuole tornare a fare la voce grossa anche se non sarà facile: “Tutti hanno l’ambizione di vincere dei titoli, ma non è detto che questa ti permetta di andare avanti fino in fondo. La concorrenza è spietata. Oltre alle squadre abituali, ce ne sono altre che vorranno fare bella figura come City, Tottenham e Liverpool”.