Tempi duri per Stramaccioni: tifosi dello Sparta Praga in rivolta

Tempi duri per Stramaccioni: tifosi dello Sparta Praga in rivolta

Andrea Stramaccioni ha ormai lasciato da tanto tempo l’Italia per cercare fortuna sulle panchine estere ma le cose non sembrano andare esattamente per il meglio. Dopo l’addio al campionato greco e al Panathinaikos, l’ex tecnico dell’Inter è approdato allo Sparta Praga, in Repubblica Ceca. Sembra però che anche in questa particolare annata le cose non procedano in maniera egregia per l’allenatore, finito immediatamente nel mirino dei tifosi del club.

Stramaccioni, periodo nero: contestato dai suoi stessi tifosi

Durante l’ultima gara casalinga – peraltro vinta 3-0 proprio dallo Sparta Praga – i tifosi hanno inscenato una sorta di sciopero del tifo, svuotando le curve e ponendovi striscioni polemici. Uno di questi, in chiaro italiano, presenta la scritta “Arrivederci Stramaccioni“, con un’immagine del tecnico sul cui viso è posto un segno di divieto. Un messaggio chiarissimo da parte dei tifosi dello Sparta, che evidentemente non hanno ancora digerito l’eliminazione dal terzo turno preliminare di Europa League e la sconfitta nel Derby contro lo Slavia Praga. C’è però da dire che la classifica in campionato dello Sparta Praga non è drammatica: dopo la recente vittoria il team di Stramaccioni si trova al quarto posto con 14 punti, due in meno rispetto ai rivali cittadini e tre rispetto al secondo posto. Unico problema: dopo 8 giornate la prima piazza – occupata dal Viktoria Plzen – dista già 10 punti. L’ex Inter comunque non si arrende, spiegando che “Sono qui per lavorare al 100% ma abbiamo bisogno di tempo, le cose non cambiano in pochi giorni”. Chissà però se tifosi e dirigenza della squadra lasceranno davvero lavorare in pace l’ex allenatore dell’Udinese o se nella carriera di Stramaccioni si profila realmente un altro esonero.