Spal, polemica con Sarri: “Campo sicuro”

Spal, polemica con Sarri: “Campo sicuro”

L’infortunio di Milik ha ovviamente creato problemi al Napoli per quanto riguarda la zona dell’attacco. Il polacco, che per il secondo anno di fila si è rotto il legamento crociato, ha infatti lasciato un vuoto come vice Mertens che bisognerà in qualche modo colmare. Nella conferenza stampa di ieri Sarri ha peraltro puntato il dito – come aveva già fatto immediatamente dopo la partita – sul terreno di gioco della Spal, definito “indegno”. Oggi però la società di Ferrara, per bocca del suo direttore generale, ha risposto alle accuse del tecnico.

Polemica Spal-Sarri: ecco la risposta del club

Andrea Gazzoli è stato infatti molto chiaro: la Spal non vuole assolutamente essere accomunata a Milik come co-responsabile del suo infortunio. “Attualmente il campo non è di certo il migliore al mondo ma ci si poteva tranquillamente giocare. Sgombro da ogni equivoco che l’infortunio di Milik, al quale ovviamente facciamo un grosso in bocca al lupo, sia stato causato dalle condizioni del campo. E mi preme precisare che non metteremmo mai a repentaglio le condizioni dei nostri giocatori o di quelli delle altre squadre che vengono a giocare qui a Ferrara”. Una polemica che dunque ha scaturito una risposta ben chiara da parte della dirigenza della squadra neopromossa in Serie A. Non è peraltro la prima volta che Sarri si lamenta della tenuta di un terreno di gioco: già negli scorsi anni aveva manifestato perplessità in alcune partite, soprattutto in stadi specifici come quello di Marassi che ospita le partite di Genoa e Sampdoria. Almeno per ora, comunque, la polemica sembra destinata a finire.