Qarabag-Roma 1-2, prima vittoria in Champions per i giallorossi

Qarabag-Roma 1-2, prima vittoria in Champions per i giallorossi

Nella seconda giornata di questa edizione della Champions League arriva la prima vittoria per la Roma: dopo ben 7 anni i giallorossi tornano a vincere in trasferta nella competizione. Vittima il modesto Qarabag, che nonostante tutto fa penare la squadra della Capitale con il punteggio di 1-2. Ciò che conta comunque è la prima affermazione stagionale nella massima competizione europea per Di Francesco, che sale dunque a quota 4 in classifica.

Ecco cronaca, tabelino e pagelle di Qarabag-Roma

Nel primo tempo la Roma mette subito in chiaro la situazione trovando un vantaggio quasi lampo con Manolas. Una scelta saggia, perché da lì in poi la partita potrebbe diventare completamente in discesa: dopo altri 8′ infatti è Dzeko a segnare il suo primo gol in questa edizione della Champions League. Il dominio giallorosso però si interrompe momentaneamente per via di un’assurdità di Gonalons: l’ex Lione azzarda un dribbling al limite dell’area perdendo la palla e permettendo a Pedro Henrique di accorciare. La Roma spreca tanto ma il terzo gol non arriva prima dell’intervallo. Nella ripresa il Qarabag parte forte ma poi la Roma riprende il controllo del gioco: in molti hanno l’occasione per siglare la terza rete ma è addirittura il Qarabag ad avere l’occasione migliore della ripresa, con un colpo di testa di Ndlovu che sfiora il palo. Agli ospiti tutto sommato va bene così, Qarabag-Roma termina 1-2 e Di Francesco conquista la sua prima vittoria in Champions.

Tabellino Qarabag-Roma

FORMAZIONI
QARABAG (4-2-3-1): Sehic; Mevedev, Hüseynov, Sadygov, Agolli; Richard Almeida, Garayev; Pedro Henrique (75′ Elyounoussi), Míchel (89′ Quintana), Madatov (83′ Guerrier); Ndlovu. All. Gurbanov

ROMA (4-3-3): Alisson; Peres, Manolas, Juan Jesus, Kolarov; Pellegrini (81′ Strootman), Gonalons (67′ De Rossi), Nainggolan; Defrel (58′ Florenzi), Dzeko, El Shaarawy. All. Di Francesco

AMMONITI: Garayev, Pedro Henrique (Q) – Gonalons (R)

MARCATORI: 7′ Manolas, 15′ Dzeko (R), 28′ Pedro Henrique (Q)

ARBITRO: Soares Dias

Pagelle Qarabag

QARABAG: Sehic 5,5; Mevedev 5, Hüseynov 5,5, Sadygov 5, Agolli 6; Richard Almeida 6, Garayev 5; Pedro Henrique 6,5 (75′ Elyounoussi 6), Míchel 5 (89′ Quintana s.v.), Madatov 5,5 (83′ Guerrier s.v); Ndlovu 6.

Pagelle Roma

Alisson 6 – Incolpevole sul gol subito, forse si prende qualche piccolo rischio nei disimpegni con i piedi ma tutto sommato la sua è una giornata vicina all’ordinaria amministrazione

Peres 6 – Può permettersi di accompagnare spesso la manovra offensiva ma, al tempo stesso, deve guardarsi dai (pochi) attacchi di Agolli, su cui comunque fa buona guardia

Manolas 6,5 – Il gol che sblocca la gara è proprio il suo, il resto della prestazione è certamente oltre la sufficienza seppur senza acuti

Jesus 6,5 – Al pari del suo compagno di ruolo gioca una partita composta, spesso sbroglia anche situazioni potenzialmente imbarazzanti con decisione o buone letture

Kolarov 6,5 – Quando attacca sulla sinistra diventa spesso un pericolo: sistematicamente salta l’uomo e serve sempre cross precisi. Ancora una volta si dimostra ordinatissimo

Pellegrini 7 – All’esordio in Champions League sfodera una prestazione di grande personalità e attenzione, coprendo sempre gli spazi e correndo da un lato all’altro del campo. Ciliegina sulla torta il tiro-assist per Manolas

dall’81’ Strootman s.v.

Gonalons 5 – Sicuramente il peggiore della Roma: regala un gol agli avversari, si becca un giallo per una gomitata evitabile e sbaglia tantissime verticalizzazioni. La condizione migliore è ancora lontana

dal 67′ De Rossi 6 – A parte una svirgolata di sinistro fa decisamente meglio di Gonalons, non rischiando quasi mai e mettendo ordine

Nainggolan 6 – Senza infamia e senza lode la partita del belga, che ci ha sicuramente abituato a prestazioni decisamente migliori di questa, la quale risulta comunque buona

Defrel 5,5 – Di tutti gli attaccanti della Roma sembra quello che sta facendo più fatica. Spesso sbaglia i movimenti e non sfrutta le poche occasioni che gli capitano

dal 58′ Florenzi 6 – Si propone con grande velocità e frequenza sulla fascia destra, ovviamente non può però garantire una prestazione eclatante

Dzeko 6,5 – Gara di grandissima sostanza condita da un gol fondamentale: dopo le lamentele post Atletico Madrid il bosniaco non ha mai smesso di segnare

El Shaarawy 6 – Cerca spesso il tocco di prima o lo spunto personale, creando dai suoi stessi piedi il gol di Dzeko. Sembra notevolmente più solido e mentalizzato rispetto al passato