SHARE
Miralem Pjanic, Juventus - Fonte: Juventus Twitter account
Miralem Pjanic, Juventus - Fonte: Juventus Twitter account

Vittoria sofferta della Juventus all’Allianz Stadium: i ragazzi di Allegri si ritrovano costretti a rincorrere dopo la sfortunata autorete di Alex Sandro nella prima frazione di gioco. La squadra di Allegri, che sta soffrendo in questo mese d’ottobre dopo un ottimo avvio di stagione, mantiene la calma e trova il pari con un calcio di punizione magistrale di Pjanic.

Dopo una seconda frazione di lotta, in chiusura di partita, succede tutto in un minuto: Allegri sostituisce uno sfinito Sturaro con Douglas Costa che entra e serve un assist al bacio per la testa di Mandzukic.

Juventus-Sporting Lisbona 2-1, il tabellino

Juventus (4-2-3-1): Buffon; Sturaro (dall’84’ Douglas Costa), Benatia (dal 46′ Barzagli), Chiellini, Alex Sandro; Pjanic, Khedira (dal 62′ Matuidi); Cuadrado, Dybala, Mandzukic; Higuain. Allenatore: Allegri.

Sporting Lisbona (4-2-3-1): Rui; Piccini, Coates, Mathieu, Coentrao (dal 77′ Silva); Battaglia (dall’86’ Doumbia), Carvalho; Martins (dal 76′ Palhinha), Bruno Fernandes, Acuna; Dost. Allenatore: Jesus.

Marcatori: 12′ aut. Alex Sandro, 29′ Pjanic, 84′ Mandzukic.

Note: ammoniti Coates, Bruno Fernandes, Sturaro, Chiellini.

Juventus-Sporting Lisbona 2-1, le pagelle dei bianconeri

Gianluigi Buffon 6: Più imprecazioni che parate, l’estremo difensore bianconero deve arrendersi all’autorete di Alex Sandro.

Stefano Sturaro 5,5: Combatte contro avversari coriacei e il dover coprire le spalle ad un Cuadrado non in serata non lo aiuta. Esce sfinito (dall’84’ Douglas Costa 6,5: Entra e serve l’assist della vittoria).

Mehdi Benatia 5: Serataccia per il centrale marocchino che sbaglia molto e conclude la prima frazione da infortunato. Prova a stringere i denti ma deve lasciare spazio a Barzagli (dal 46′ Andrea Barzagli 6: Nella ripresa lo Sporting porta meno pericoli).

Giorgio Chiellini 6,5: Mette toppe in difesa, risultando decisivo in più di un’occasione. Prestazione di grande sostanza, leader emotivo nella ripresa.

Alex Sandro 5: Manca il pallone sulla diagonale e sul rimpallo insacca nella propria porta. Un po’ Gresko e un po’ Dimas, il giocatore degli ultimi due anni deve ancora tornare dalle vacanze.

Miralem Pjanic 6,5: L’acuto vale il pareggio, per il resto deve ancora trovare i ritmi di inizio stagione. Nel complesso buona la prima post infortunio, resta in campo per 90 minuti.

Sami Khedira 5,5: Un paio di buoni inserimenti sono poco per uno come lui. Ancora alla ricerca della miglior condizione (dal 62′ Blaise Matuidi 6: Entra per dare sostanza al centrocampo).

Juan Cuadrado 4,5: Perde praticamente ogni pallone che gli viene affidato, serataccia per l’esterno colombiano. Il pubblico si spazientisce e lo prende di mira. Finisce terzino.

Paulo Dybala 5: Sbatte contro gli avversari e fatica a trovare varchi. Lontano dal brillante mese di settembre.

Mario Mandzukic 6,5: Si sbatte in difesa e mette dentro un pallone pesantissimo a cinque minuti dalla fine. Con Cuadrado terzino si sposta a destra per garantire maggiore copertura. Tuttofare.

Gonzalo Higuain 6,5: I compagni lo servono poco e lui non si demoralizza, continuando a sbattersi e provando a riciclarsi come rifinitore. Un bel passo avanti rispetto alle passate prestazioni.