SHARE
fassone milan
FONTE: PianetaMilan

Marco Fassone analizza il momento delicato del Milan in un’intervista a La Stampa, iniziando dal futuro della squadra: “”L’obiettivo era tenere a corta gittata il quarto posto per tutto il girone di andata, assestarci e dare la scalata alla zona Champions nel ritorno. Chiaro che i margini di recupero ci sono, ma non possiamo più permetterci di sbagliare”. Il più, l’ad milanista chiarisce il rapporto con Montella: “Panchina a rischio in caso di nuova sconfitta? Inutile ragionare sui se e sui ma, qui dobbiamo lavorare tutti nella stessa direzione per trovare una via di uscita”. Su Bonucci e le critiche: “Ci sono persone contente quando togli loro delle responsabilità e altre che invece sono nate per averne. Bonucci appartiene alla seconda categoria”. “È vero, non sta rendendo per quello che è il suo valore. Ma anche lui sta pagando la situazione generale”. Sulla Champions, vero obbiettivo del Milan: “Piano con la parola obbligo. La Champions è fondamentale per il nostro progetto. Mancarla, però, non blocca i piani. Ritarderemo di un anno e troveremo il sistema di equilibrare la mancata entrata degli introiti Champions con la cessione di uno-due top player“. Infine Fassone risponde alle critiche alla nuova dirigenza cinese: “Questo scetticismo è anche un po’ fastidioso, se fossimo in Inghilterra in pochi ci farebbero caso. Io dico solo che la proprietà quest’anno ha fatto un aumento di capitale di 49 milioni e non sono soldi prestati all’Ac Milan. E presto ne farà un altro. L’obiettivo è triennale, far crescere i ricavi e poi mettere sul mercato azionario, alla Borsa di Hong Kong, una fetta della società”.