SHARE
Sergio Pellissier, Chie Verona - Fonte: Twitter Chievo Verona
Sergio Pellissier, Chie Verona - Fonte: Twitter Chievo Verona

Il calcio moderno è sempre meno un paese per vecchie l’età media dei vari campionati si sta abbassando per via dei tanti millenials che riempiono gli organici dei club. Nei maggiori campionati d’Europa, tuttavia, ci sono ancora degli immortali, degli ever green che non ne vogliono sapere di appendere le scarpette al chiodo e vogliono dimostrare di avere ancora benzina in corpo. In Italia, Spagna, Inghilterra, Francia e Germania giocatori nati negli anni 70 ce ne sono eccome, tanto da comporre uno speciale primato di “giocatori più anziani” dei relativi tornei. Qualcuno ancora riesce a esaltarsi addirittura in Champions League, ma sono eccezioni figlie di un calcio che ora non c’è più, gli ultimi eroi di un’epoca sportiva lontana oramai qualche anno.

ITALIA

La Serie A può vantare di avere un perfetto highlander fra i suoi giocatori più rappresentativi. Gigi Buffon di anni 39 è sul podio della longevità nell’attuale campionato italiano ed è al contempo uno dei pochi esempi di ever green calcistici capaci di sostenere da titolare sia una stagione in Serie A che un cammino in Champions League. A seguire c’è il difensore del Chievo Verona Dario Dainelli, un classe 79′ che a 38 anni ancora guida la difesa dei clivensi senza sfigurare più di troppo. Ma Verona sembra essere una vera e propria fonte di giovinezza, visto che nella squadra del presidente Campedelli giocano ancora Sorrentino e Pellissier, entrambi a 38 anni come Dainelli. Sempre nella città di Romeo e Giulietta, ma nelle file dell’Hellas, gioca Fernando Coppola come terzo portiere, in attività a 39 anni. Parlando di portieri, a “tirare la carretta” ci sono ancora sia Bogdan Lobont della Roma a 38 anni e Albano Bizzarri dell’Udinese a 40: il portiere argentino la settimana scorsa ha addirittura parato un rigore e al momento è il giocatore più anziano della Serie A. Bizzarri è un classe 77′ come Marco Storari, portiere del Milan fino a gennaio dello scorso anno titolare a Cagliari.

SPAGNA, INGHILTERRA E GERMANIA

All’estero i casi di longevità sono abbastanza inferiori rispetto ai casi della Serie A, ma se in Italia la maggior parte sono tutti portieri, in Francia c’è addirittura chi gioca e corre. Benjamin Nivet è un centrocampista classe 77′ del Troyes, in Ligue 1, che attualmente è spesso schierato nel suo club. Rimanendo in Francia c’è il difensore brasiliano Vitorino Hilton del Montpellier, che a 40 anni è ancora in completa attività e non ne vuole sapere di smettere. In Inghilterra, e più precisamente nel West Bromwich Albion, il difensore nordirlandese Gareth McAuley a 38 anni è ancora impiegato da Tony Pulis in situazioni d’emergenza, mentre a Londra, nel Crystal Palace, lo storico titolare Julian Speroni è stato degradato a riserva a 38 anni dopo una vita come protagonista delle Eagles. Sempre in Premier League merita Spostandosi in Spagna invece balza all’occhio il centrocampista del Getafe Sergio Mora, attualmente titolare della squadra iberica pur essendo anche lui un classe 79′. La Germania, sorprendentemente, non ha giocatori sopra i trentasette anni, e addirittura il giocatore più “anziano” risulta essere il brasiliano dello Schalke 04 Naldo con 34 anni.

SHARE