martedì, Dicembre 7, 2021

Latest Posts

Lazio, difesa con troppi gol subiti. E se si tornasse a quattro?

Forza, carattere, personalità e capacità di reagire: sono queste le caratteristiche che la Lazio ha messo in mostra ieri nel pareggio ottenuto sul campo dell’Atalanta. I biancocelesti hanno dimostrato di essere una squadra che non molla mai, rimontando per due volte lo svantaggio. In assenza dello squalificato Ciro Immobile, sono stati Milinkovic, autore di una doppietta, e Luis Alberto a caricarsi la squadra sulle spalle. Insomma, i capitolini hanno dimostrato che quest’anno è davvero difficile batterli, ma non è, come spesso accade in questi casi, tutto oro quel che luccica.

LAZIO, TROPPI GOL SUBITI

Troppi errori: è questa la frase che molti uomini chiave, in primis Simone Inzaghi, hanno ripetuto ieri nel post partita. D’altronde basta pensare a primi venti minuti di match per capire. La Lazio è andata sotto di due gol, rischiando di prendere il terzo, che avrebbe chiuso ogni tipo di discorso. A salire sul banco degli imputati è quindi il reparto difensivo. Sarebbe fin troppo semplice parlare degli errori dei singoli, a partire da quelli di Bastos. L’angolano, dopo la pessima prestazione nel derby, ieri ha causato il rigore del momentaneo 3-2 con un fallo a dir poco ingenuo. E lo stesso Wallace, entrato dalla panchina, ha mostrato cali di concentrazione, non totalmente giustificabili con il lungo infortunio. A mancare però sembrano essere compattezza e solidità. Non può essere un caso che, tra le prime cinque, la Lazio sia quella ad avere subito più gol: 22, contro i 10 della Roma, gli 11 del Napoli, i 13 dell’Inter e i 14 della Juventus. In più, nelle ultime cinque partite di campionato i capitolini hanno subito 10 gol. Una media di due gol a partita, che è davvero troppo alta per chi ha ambizioni di alta classifica.

LAZIO, E SE SI TORNASSE A QUATTRO?

Insomma, la difesa balla e la mente va irrimediabilmente al mese di gennaio e all’annunciato arrivo di Martin Caceres. L’uruguaiano in questi mesi al Verona ha ritrovato la condizioni fisica, rendendosi protagonista di buone prestazioni, condite anche da una rete. E chissà che l’arrivo dell’ex Juventus non possa portare a un cambiamento di modulo, con il ritorno alla difesa a quattro. Quest’ultimo potrebbe inoltre indirettamente favorire Felipe Anderson, magari in un ipotetico 4-2-3-1. Il brasiliano potrebbe così agire, insieme a Luis Alberto e Milinkovic, alle spalle di Ciro Immobile. Al momento si tratta però di supposizioni e ipotesi, soprattutto perché difficilmente Inzaghi abbandonerà così facilmente la difesa a tre, su cui ha lavorato fin dal primo giorno di ritiro in quel di Auronzo di Cadore. Chissà però che il periodo festivo e i primi piccoli campanelli d’allarme non inducano l’allenatore biancoceleste a riflettere. Il sogno Champions della Lazio passa irrimediabilmente dalla difesa e dalla solidità di quest’ultima e non solo dalle invenzioni di Luis Alberto e Milinkovic e dai gol di Ciro Immobile.

Latest Posts

Don't Miss