SHARE
Ballardini
Ballardini - FOTO: Genoa CFC

Il Genoa non si ferma più: seconda vittoria consecutiva in trasferta per gli uomini di Ballardini. Un gol di Laxalt nel finale ha regalato un’altra gioia meritata alla sua squadra. Al termine della gara ai microfoni di Sky Sport lo stesso allenatore del “Grifone” ha svelato un retroscena particolare analizzando la vittoria di Verona: “Sono numeri belli, prestazioni che ci danno soddisfazione. La qualità del gioco sta crescendo, come la personalità e l’attenzione, quindi sono davvero contento. “Con Pandev sono in debito per 7-8 anni fa, quando alla Lazio dovevo tenerlo fuori rosa. Adesso me lo godo. Fui stupido a non farlo giocare. C’è voglia di far bene da parte di tutti ed è un segnale forte, è una squadra composta da giocatori molto seri, perbene, capaci e generosi. Giocano o meno danno sempre il meglio. Il Genoa nel primo tempo non ha fatto bene, mentre nella ripresa è uscito fuori. Siamo riusciti ad impostare più in avanti e possiamo fare ancora meglio nel gioco e nella riconquista della palla nella metà campo avversaria”.

Ballardini e Pandev di nuovo insieme

Arrivato nel 2004 alla Lazio dall’Ancona e dopo aver trionfato in Coppa Italia con Delio Rossi, nel 2009 Goran Pandev fu messo fuori rosa dalla società biancoceleste a causa di alcune lamentele per il rinnovo contrattuale. In quella stagione sulla panchina del club di Lotito c’era proprio Davide Ballardini che però condivise la scelta della società di mettere fuori rosa Ledesma e lo stesso Pandev. Ora le cose sono cambiate e il rapporto tra i due è sicuramente migliore rispetto a qualche anno fa. L’attaccante macedone sta vivendo a Genova una seconda giovinezza aiutando la squadra anche in fase di non possesso e facendo da chioccia ai più giovani. Come soltanto i campioni sanno fare…