Lazio-Verona 2-0, tabellino e pagelle: torna Ciro ‘il Grande’ Immobile

Lazio-Verona 2-0, tabellino e pagelle: torna Ciro ‘il Grande’ Immobile

All’Olimpico di Roma si è giocato il match Lazio-Verona. Vincono i biancocelesti con una doppietta di Ciro Immobile. I biancocelesti ritrovano così la vittoria ed i gol del suo bomber principe in un sol colpo, contro un avversario inerme.

Lazio-Verona 2-0, le pagelle

LAZIO

Strakosha 6 – Tutto sotto controllo stasera.

Wallace 6 – Napoli è alle spalle, stasera però gli avversari erano più alla portata.

De Vrij 6 – Partita senza infamia e senza lode, l’addio annunciato da Tare non sembra scomporlo ma da ora bisognerà evitare l’effetto boomerang.

Radu 6.5 – Solita gara arcigna e di personalità (dall’80’ Murgia sv).

Marusic 5.5 – Potrebbe affondare sulla destra ma non lo fa con continuità ed efficacia.

Milinkovic-Savic 6 – Primo tempo tiepido, poi nella ripresa mostra qualche suo solito numero ma lo abbiamo apprezzato decisamente di più in altre occasioni.

Parolo 6 – Macina tanta corsa e si impegna al massimo come al solito, ma ricordiamo partite migliori da parte sua.

Lulic 6.5 – Corre come un ragazzino, come se non avesse età. Va anche vicino al 2-0 con la conclusione sulla cui respinta poi Immobile firma l’effettivo raddoppio.

J. Lukaku 6 – Pendolino sulla sinistra, si sovrappone ma la Lazio non sfonda nella sua zona. Meglio nel primo tempo (dal 75′ Luis Felipe sv).

Luis Alberto 7 – Solite giocate di qualità, con Immobile si trova ad occhi chiusi e sfiora il gol del vantaggio con una traversa a fine primo tempo. L’assist per l’1-0 è una genialata sontuosa.

Immobile 7,5 – Tanti, troppi giorni senza segnare. Ci vuole lui per mettere fine al periodo nero della Lazio fatto di 4 sconfitte consecutive tra campionato e coppa. La rabbia nella sua esultanza la dice tutta (dall’84’ Caicedo sv)

All. Simone Inzaghi 6,5 – Il tecnico biancoceleste ha riordinato le idee e si è mostrato bravo in particolar modo a mantenere calma e serenità nell’ultimo, complicato mese, tra le sconfitte in serie ed il caso Felipe Anderson. Sapeva che presto le cose sarebbero cambiate ed è andata così.

VERONA

Nicolas 5.5 – Non perfetto sui gol subiti, ma alla fine è pure uno dei migliori, e questo la dice lunga sulla partita impostata dal Verona.

Boldor 5.5 – Per ora sembra poco adatto al calcio italiano.

Caracciolo 6 – L’esperienza lo tiene sostanzialmente a galla, ma sul 2-0 al passivo è colpevole come tutti i compagni della difesa.

Vukovic 5.5 – Sembra quasi meglio in avanti che indietro, dopo quanto visto da gennaio ad oggi. Soffre l’estro dell’attacco laziale.

Fares 5.5 – Il Verona è arrivato a Roma con l’idea di impostare poco e contenere molto. Può trovare visibilità soltanto quando gli scaligeri riescono a partire in contropiede.

Romulo 6.5 – Nel bene e nel male è sempre tra i migliori dei suoi. Cerca gloria personale verso la fine ma non è fortunato.

Buchel 5 – Travolto dal centrocampo biancoceleste, proprio lui che sarebbe dovuto essere il primo ad arginarlo.

Valoti 5.5 – Entra poco in partita, gioca pochi palloni e spesso male.

Verde 5 – Si incaponisce in alcuni dribbling di troppo, prestazione fumosa e senza alcuna utilità per il Verona (dal 64′ Aarons 5.5 – Entra per prendere freddo).

Matos 5 – Pressoché inesistente, in una partita nella quale la sua squadra non si è mai fatta vedere dalle parti di Strakosha (dal 68′ Petkovic sv)

Kean 5 – Un solo tiro verso la porta avversaria, del tutto inguardabile.

All. Pecchia 5 – Il suo Verona sembra essere giunto a Roma già battuto. Come se non fosse questa la gara dove cercare preziosi punti salvezza. Forse avrebbe dovuto osare di più, specialmente contro un avversario che prima di stasera aveva accusato più di un contraccolpo psicologico di recente.

Lazio-Verona 2-0 tabellino

LAZIO (3-5-1-1): Strakosha; Wallace, De Vrij, Radu (80′ Murgia); Marusic, Milinkovic-Savic, Parolo, Lulic, J. Lukaku (75′ Luis Felipe); Luis Alberto; Immobile (84′ Caicedo).
A disp. Vargic, Guerrieri, Patric, Basta, Bastos, Caceres, Di Gennaro, Nani, Felipe Anderson.
All. Simone Inzaghi

VERONA (4-4-2): Nicolas; Boldor, Caracciolo, Vukovic, Fares; Romulo, Buchel (58′ Calvano), Valoti, Verde (64′ Aarons); Matos (68′ Petkovic), Kean
A disp. Coppola, Silvestri, Souprayen, Heurtaux, Bearzotti, F. Zuculini, Felicioli, Fossati, Lee.
All. Pecchia

MARCATORI: 56′ Immobile (L)

AMMONITI: Nicolas (V)