giovedì, Gennaio 27, 2022

Latest Posts

Manchester City-Inter 4-3 d.c.r., il tabellino: addio alla Youth League

Termina con una grossa delusione Manchester City-Inter per gli ottavi di finale di Youth League. I ragazzi allenati da Stefano Vecchi dicono addio alla competizione dopo essere stati estromessi ai calci di rigore. Nella lotteria dal dischetto ci sono stati tanti errori da una parte e dall’altra. Gli inglesi però hanno segnato un gol in più, con tre centri su sette tiri in totale. Cinque gli errori per la giovane Inter invece. Ma all’Accademy Stadium di Manchester sono stati i padroni di casa a spuntarla, anche con qualche svista arbitrale di troppo a favore. Non è bastato in questo Manchester City-Inter l’estro dei vari Pinamonti, Zaniolo ed Odgaard per la Beneamata. E si che l’unica rappresentante italiana in Youth League era anche passata in vantaggio al 12′ con Emmers al 12′, per poi farsi raggiungere già un quarto d’ora dopo da Nmecha su calcio di rigore. Nel City ha giocato anche Phil Foden, che ormai è pronto per fare il grande passo in prima squadra con Pep Guardiola che lo ha già convocato diverse volte negli ultimi mesi. E comunque, anche se l’amarezza per essere usciti dalla più importante manifestazione calcistica europea per club a livello giovanile è molta, l’Inter Primavera deve ripartire dalle basi che l’hanno portata a compiere comunque un percorso importante fino ad oggi. Fermo restando che il compito più importante è sfornare elementi in grado di poter essere adattati in poco tempo tra i grandi. Luciano Spalletti ha promosso Yann Karamoh, che ha ripagato tanta fiducia con il gol al Bologna di dieci giorni fa. Del resto a livello di settore giovanile l’Inter ha conquistato il primo posto come percentuale di giocatori formati. E proprio qualche giorno fa in un convegno a Vercelli si era discusso proprio del livello raggiunto dal settore giovanile dell’Inter con il responsabile tecnico Daniele Bernazzani e l’allenatore degli Allievi Under 17, Andrea Zanchetta. Se anche in questa stagione la prima squadra fatica a trovare una identità, nonostante le buone premesse iniziali, c’è da dire che con i ragazzi i nerazzurri sanno in che direzione muoversi.

Manchester City-Inter 4-3 d.c.r., il tabellino del match

MANCHESTER CITY (4-3-3): Grimshaw; Martret, Latibeaudiere, Francis, Smith; Brahim Diaz, Dele-Bashiru (71′ F. Nmecha), Foden; Poveda (60′ Bolton), Nmecha, Matondo (89′ Touazi).
A disposizione: Sokol, Duhaney, Pozo, Gonzalez.
All. Simon Davies.

INTER (3-5-2): Dekic; Zappa, Lombardoni, Bettella; Valietti, Emmers, Rada (68′ Brignoli), Zaniolo, Sala (88′ Colidio); Odgaard (60′ Rover), Pinamonti.
A disposizione: Tintori, Nolan, Merola, Gavioli
All. Stefano Vecchi.

MARCATORI: 12′ Emmers (I), 27′ rig. L Nmecha

AMMONITI: Garcia Martret, Francis (M), Bettela, Odgaard, Lombardoni (I)

ARBITRO: Kristoffersen (Dan).

SEQUENZA RIGORI: F. Nmecha (M) GOL, Colidio (I) PARATO, Francis (M) GOL, Pinamonti (I) GOL, Smith (M) PARATO, Emmers (I) GOL, Foden (M) PARATO, Rover (I) PARATO, L. Nmecha (M) ALTO, Zaniolo (I) PARATO, Brahim Diaz (M) PARATO, Lombardoni (I) TRAVERSA,  Touaizi (M) GOL, Bettella (I) PARATO.

Latest Posts

Don't Miss