Lazio, dall’addio di De Vrij alla fedeltà di Radu

Lazio, dall’addio di De Vrij alla fedeltà di Radu

“La Lazio ritira la proposta che ha fatto a Stefan de Vrij. Dopo alcuni mesi di trattativa, c’è anche un limite”. Con queste parole, pronunciate ai microfoni di ‘Premium Sport’ nel pre partita di Lazio-Verona, Igli Tare, direttore sportivo della Lazio, ha annunciato l’addio di de Vrij al club biancoceleste. Il difensore olandese andrà quindi via a giugno a parametro zero. “Le motivazioni le diremo più avanti”, ha proseguito il ds. Alcune indiscrezioni però sono già trapelate. Secondo quanto riportato da ‘Il Corriere dello Sport’, alla base del mancato accordo ci sarebbero le richieste della Seg, agenzia che cura gli interesse dell’ex Feyenoord. Questa infatti avrebbe voluto il 20% della clausola rescissoria del giocatore. La Lazio non ha accettato queste condizioni e il rinnovo è saltato.

DE VRIJ, QUALE FUTURO?

De Vrij ha confermato il suo addio a giugno con un post sul suo profilo ufficiale Instagram, dicendosi dispiaciuto e promettendo il suo massimo impegno fino alla fine della stagione. Intanto però iniziano a susseguirsi in maniera insistente le voci sul suo futuro. Su di lui c’è da tempo l’Inter, che al momento sembra essere la favorita, visti anche gli ottimi rapporti con la Seg. Occhio però alla concorrenza che potrebbe essere nutrita e agguerrita. Il giocatore fa gola infatti, tra le altre, a Juventus, Barcellona, Manchester United e Liverpool. Sembra quasi uno scherzo del destino. Nel giorno dell’ufficialità dell’addio di Stefan de Vrij, la Lazio ha omaggiato un altro Stefan, ossia Radu, per le sue 300 presenze con la maglia biancoceleste. I due giocatori, sotto alcuni aspetti, sono molto simili: carattere, abnegazione, concentrazione e personalità. Però va detto che sono anche molto diversi, soprattutto per prospettive, ambizioni e possibilità di carriera.

DE VRIJ E L’ALTRO STEFAN

Stefan Radu, che ha deciso di legarsi a vita al club capitolino come dimostrano i dieci anni con l’aquila sul petto, è totalmente rinato dopo alcune stagioni deludenti. La cura targata Inzaghi e il passaggio alla difesa a tre gli stanno permettendo di esprimersi ad alti livelli. “Non riesco a immaginare una vita senza Lazio“, ha dichiarato l’ex Dinamo Bucarest nel post partita di lunedì ai microfoni di ‘Lazio Style Radio’. Perché ai tifosi laziali, al di là del valore tecnico dei due, ora resta solo una certezza: di Stefan con il cuore profondamente biancoceleste ce n’è uno solo.