È un Bonucci tutto nuovo, “ma all’inizio mi ero pentito del Milan”

È un Bonucci tutto nuovo, “ma all’inizio mi ero pentito del Milan”

È un altro Milan. Lo si è notato da quasi due mesi, da quando cioè la squadra rossonera, con l’arrivo di Rino Gattuso in panchina, ha cominciato a raccogliere risultati positivi ed una grossa stabilità difensiva. Ieri intanto è giunto pure l’accesso alla finale di Coppa Italia. Tra due mesi il Milan farà ritorno all’Olimpico, dove ieri ha eliminato la Lazio ai rigori, per contendere il trofeo alla Juventus. E Leonardo Bonucci è uno dei grandi protagonisti di questo nuovo corso, giunto però troppo tardi per raddrizzare la stagione in campionato. Le basi trovate adesso però sono importanti. La dirigenza sta capendo dove dover ripartire l’anno prossimo, bilancio permettendo. Dopo i grossi investimenti compiuti nella scorsa stagione ma che probabilmente non saranno ripagati da una qualificazione alla prossima edizione della Champions League, ci sarà anche la necessità di dover fare dei conti.

Bonucci: “Le cose al Milan sono cambiate, siamo da Champions”

Bonucci a Sky Sport parla di cose più strettamente attinenti al campo. Il difensore viterbese sottolinea un vecchio adagio sempre di moda. “Vincere aiuta a vincere, ma ora non dobbiamo esaltarci. Certo, adesso abbiamo acquisito maggiore consapevolezza”. Bonucci alla Champions ci crede, nonostante sia difficilissimo. “Se continuiamo così potremo farcela. Abbiamo dimostrato di poter dire la nostra. Io personalmente so di non aver rispettato le aspettative ad inizio stagione. Ma ho sempre lottato. È questo che mi ha spinto ogni volta ad alzare tutti i trofei che ho vinto”. Una componente che sembra avere anche Gattuso, un altro che di titoli ne ha raggiunti. “Mi ha stupito, nonostante come allenatore sia relativamente giovane. Come carisma e cattiveria agonistica mi ricorda Conte”. Bonucci confessa infine: “È vero, avevo pensato ‘Ma chi me l’ha fatto fare?’. Sapevo che quello di inizio campionato non era il vero Bonucci. Ma ho ritrovato fiducia in me stesso, ed ora le cose sono cambiate”.