Zielinski: “Mi ispiro ad Hamsik. Posso diventare un campione come De Bruyne”

Zielinski: “Mi ispiro ad Hamsik. Posso diventare un campione come De Bruyne”

40 presenze, 11 goal e la mostruosità di 19 assist. Sono i numeri stagionali di un certo Kevin De Bruyne, centrocampista offensivo del Manchester City di Pep Guardiola. Il belga è cresciuto tanto e secondo Maurizio Sarri anche Piotr Zielinski potrà arrivare un giorno al suo livello. Lo stesso centrocampista polacco del Napoli è stato intervistato oggi da “Radio Kiss Kiss Napoli” ed ha dichiarato: Si vede sicuramente la mia crescita. Sia io che tutti gli altri sanno, però, che posso ancora fare di più. Il mister ha fatto un grandissimo paragone con un campione che è tra i migliori nel suo ruolo. De Bruyne è un campione, è ancora molto più forte di me. Io devo migliorare ogni giorno perché ho le possibilità di diventare un campione. Devo essere più cattivo agonisticamente”. Zielinski ha parlato anche dell’ultimo match tra Napoli e Cagliari: Abbiamo stravinto contro una squadra che in casa sta facendo molto bene. Non è mai facile giocare contro i rossoblu perché giocano in maniera molto fisica. Il gol del 3-0 dimostra che siamo forti e abbiamo tanta qualità. Se il mister avesse toccato l’azione si fermava il gol (ride, ndr)”.

Napoli, parla Zielinski: il sogno scudetto, Hamsik e Milik

Zielinski ha quindi proseguito: “Sentiamo che non siamo lontani dal sogno di vincere lo scudetto. Dobbiamo dare tutto in queste 12 finali e cercare di vincerle tutte. Sinceramente dobbiamo pensare a noi stessi e non guardare alla Juventus. Sarebbe un sogno festeggiare il mio compleanno con tutti i tifosi e tutta la squadra per la vittoria dello scudetto. Sarebbe il compleanno più bello della mia vita”. Sulle condizioni del connazionale Milik: “Arek sta bene. Speriamo che possa tornare a giocare presto. I suoi gol saranno il valore aggiunto di questo finale di stagione”. Zielinski ha infine indicato il calciatore a cui si ispira: “Io mi ispiro a Marek Hamsik, ogni giorno guardo lui e vorrei diventare come il nostro capitano”.