SHARE

Giovedì prossimo si gioca Milan-Arsenal alle ore 19:00 per l’andata degli ottavi di finale di Europa League. Ed Arsene Wenger, storico manager del sodalizio londinese, lancia un campanello d’allarme all’indomani della battuta di arresto in Premier League. I Gunners sono stati battuti per 2-1 in casa della matricola Brighton, e già dopo 26′ erano sotto di due gol prima di dimezzare lo svantaggio con Aubameyang a fine primo tempo. Per i biancorossi è il quarto ko di fila, non certo il miglior biglietto da visita possibile in vista di Milan-Arsenal. “Siamo stanchi e necessitiamo di recuperare energie, ma non abbiamo tempo – dice in tono grave Wenger – sarà molto difficile affrontare i rossoneri. La nostra priorità sarà difenderci come meglio potremo, ed al tempo stesso sfruttare le occasioni che saremo bravi a creare”.

Milan-Arsenal, le preoccupazioni di Wenger

L’allenatore alsaziano sa che non può sbagliare visto che all’Arsenal resta solamente l’Europa League come unico obiettivo perseguibile in stagione. Per lui è una annata decisamente da dimenticare, e sembra che possa anche coincidere con l’ultima sulla panchina della società di Londra. Wenger è ormai inviso alla maggior parte dei tifosi e quest’anno non è mai riuscito ad entusiasmare la platea, se non con gli acquisti di Aubameyang e Mkhitaryan a gennaio. Il francese lamenta una mancanza diffusa di condizione da parte dei suoi giocatori. Aspetto dove invece sta eccellendo proprio il Milan, che viaggia finalmente sulle ali dell’entusiasmo da due mesi a questa parte.

Anche i 120′ dell’Olimpico contro la Lazio in Coppa Italia sono stati assorbiti bene, ed il fatto di non aver giocato ieri sera in campionato non dovrebbe rappresentare un ostacolo sulla via della conservazione della forma migliore. Proprio per questo motivo poi ieri Wenger ha tenuto a riposo alcuni uomini importanti come Ramsey, Bellerin e Welbeck. Quest’ultimi due hanno giocato soltanto per pochi minuti. L’attaccante sarà sicuramente titolare dal momento che Aubameyang non è tesserabile e Lacazette ne avrà ancora per un pò di tempo.