SHARE
Carlo Ancelotti, Bayern Monaco Championa League - Fonte: Bayern Monaco Twitter
Carlo Ancelotti, Bayern Monaco Championa League - Fonte: Bayern Monaco Twitter

L’Italia a fine marzo sfiderà in amichevole Inghilterra e Argentina dopo il disastro mondiale contro la Svezia. A guidarla ci sarà il ct ad interim Luigi Di Biagio, che traghetterà gli azzurri nelle prossime sfide. Il futuro della panchina dell’Italia è infatti ancora tutto da decidere con una folta rosa di candidati da passare al vaglio. Tra i papabili ct della nazionale c’è anche l’ex Bayern Carlo Ancelotti, che ha parlato ai microfoni di ‘RadioRai’: “La panchina della Nazionale azzurra? Non è un’ipotesi così lontana. Conosco bene Costacurta e lui me: in questo momento però credo sia necessario per la Nazionale aspettare. La mia idea sarebbe quella di allenare ancora tutti i giorni e solo per quello continuo a nutrire dei dubbi su questo possibile lavoro. E poi io ufficialmente sono ancora sotto contratto con il Bayern Monaco, così come anche gli altri che sono stati contattati”.

Italia, Ancelotti promuove Di Biagio

Ancelotti sul tema Nazionale ha proseguito: “Conosco bene Costacurta e lui conosce me. Ci sentiamo spesso e lo abbiamo fatto anche prima che lui diventasse vice commissario. Ha fatto bene ad affidare la panchina a Di Biagio e ad aspettare magari per una sua possibile conferma. “La Nazionale ha preso tempo e nel frattempo valuterà il lavoro Di Biagio. Il fatto che Costacurta sia vicecommissario non mi impedisce di parlargli, lo sentivo anche prima.” Ancelotti ha quindi speso due parole anche sulla corsa allo scudetto: “La Juve ha fatto un passo importante in un momento importante del campionato quando c’era anche la Champions, ha preso coraggio, poi sono da sempre una squadra solida. Non so se sia uno strappo decisivo ma è ben indirizzata. Il Napoli non può alzare bandiera bianca, è ancora lì e 4 punti (se la Juve batte l’Atalanta mercoledì, ndr) non sono una infinità. Il Napoli continua a nutrire la speranza di un passo falso della Juve come è successo al Napoli con la Roma”.