SHARE
gasperini
L'allenatore dell'Atalanta Gian Piero Gasperini (Fonte: Sky Sport)

Mercoledì 14 marzo alle 18 ci sarà il recupero della sfida tra Juventus e Atalanta all’Allianz Stadium. Gian Piero Gasperini, allenatore della squadra bergamasca, ha analizzato il prossimo match di campionato ai microfoni di Rai ‘Radio Anch’io Sport’: “In campionato mi auguro che le distanze rimangano invariate, significa che l’Atalanta ha fatto risultato nel recupero contro la Juventus. Ottenere un pareggio a Torino è sempre difficile, noi andiamo con l’ambizione di fare qualcosa d’importante per la nostra classifica. Non siamo noi che dobbiamo salvare il campionato. Dovrà essere anche il Napoli ad andare a vincere a Torino per legittimare la corsa Scudetto. Fino a qualche settimana fa lo meritava forse un pochino in più il Napoli, ora forse un po’ la Juve. Chi lo vincerà alla fine, lo avrà meritato. Il campionato è ancora molto lungo e c’è lo scontro diretto. Prima o poi il Napoli dovrà battere la Juventus”.

Juve-Atalanta, Gasperini risponde alle polemiche

L’allenatore dell’Atalanta, poi, ha risposto prontamente alle recenti accuse sull’undici da mettere in campo contro la Juve: “Le polemiche per la recente formazione sono fatte da chi in Rete non ha né nome né volto. L’Atalanta ha una sua rosa, non ha mai messo in campo la Primavera e ha sempre fatto il massimo. Non so chi ha inventato quella polemica, non c’è neanche da rispondere”. Infine, Gasperini ha concluso parlando ancora della sfida contro i bianconeri in programma tra due giorni: “La Juve è una squadra che segna sempre, bisogna almeno segnare un gol per fare risultato. In Coppa Italia siamo andati molto vicini a fare risultato, ma la Juve in Italia è fortissima”.