SHARE
Sarr

Un gol di Gonzalo Higuain ha deciso il big match Inter-Juventus. I bianconeri scavalcano i nerazzurri e conquistano la vetta della classifica, per l’allenatore Maurizio Sarri un primo posto che conta ancora poco. Queste le sue parole: «Il sorpasso in questo momento ha poco significato, l’aspetto importante è che abbiamo fatto una buona prestazione, una prestazione di personalità, di carattere, contro una squadra forte, che aveva sempre vinto fino a questo momento, con un ambiente carico». Sul gol di Gonzalo Higuain, arrivato dopo 24 passaggi consecutivi, l’allenatore bianconero ha dichiarato: «Una squadra che ha qualità, ha grandi qualità e quando trova momenti di lucidità può palleggiare con grande qualità. E quando il palleggio viene fuori fluido le palle gol può venire come diretta conseguenza».

Sarri sulla possibilità di vedere Dybala, CR7 e Higuain contemporaneamente

Per qualche minuto, nel corso del secondo tempo, Maurizio Sarri ha schierato in attacco Dybala, Cristiano Ronaldo e Higuain. Una suggestione che intriga l’allenatore bianconero e che commenta con queste parole: «Era un qualcosa che secondo me andava provata. Uscire dalla partita senza vincere era ingiusto e quindi abbiamo provato anche quella soluzione. Purtroppo l’abbiamo provata in un momento in cui Paulo Dybala era leggermente stanco. Dopo qualche minuto ho capito che l’inerzia della partita stava cambiando e ho cercato di riequilibrare la squadra». Sui commenti negativi all’arrivo alla Juventus, l’allenatore dei bianconeri ha le idee chiare: «Questa squadra dal punto di vista del palleggio ha già fatto dei passi avanti importanti. Forse non mi hanno conosciuto bene. Ad Empoli ho adottato un determinato modo di giocare, a Napoli ho avuto un triennio cambiando impostazione e offrendo un nuovo stile di gioco».

Sui problemi avuti da de Ligt, Sarri non si scompone: «È un ragazzo forte, chiaramente in fase di adattamento al nostro calcio, alla nostra squadra, al nostro modo di difendere. Probabilmente l’infortunio di Giorgio Chiellini ci ha costretto a velocizzare l’inserimento totale e globale di questo ragazzo, se ci fosse stato Giorgio probabilmente un inserimento più graduale lo avrebbe aiutato maggiormente”.

LA PREPARAZIONE SETTIMANALE DELLA PARTITA: LA TESI DI MAURIZIO SARRI

SHARE
Previous articleInter Juve 1-2: tabellino del match
Next articlePerché la maglia dell’Italia è azzurra?
Classe '85. Fondatore e direttore editoriale di MaiDireCalcio (ora Contrataque), istintivo sognatore napoletano. Ho scritto per PianetaNapoli.it, ora sono redattore per NapoliCalcioLive.com, web content per jobyourlife.com e pagellista per calciomercato.it. Laurea in Economia, giornalista pubblicista, baggista e folle appassionato del Crystal Palace. Twitter @claudioc7 Facebook facebook.com/ChandlerBing85