SHARE
cech hockey

Petr Cech torna a fare la differenza tra i pali, stavolta però nell’hockey. L’ex portiere di Chelsea e Arsenal ha deciso di cambiare sport all’età di 37 anni e al debutto nella Guilldford Phoenix è stato nominato man of the match. Due rigori parati e uno shoot-out realizzato hanno permesso alla squadra di vincere la sfida contro i Swindon Wildcats. Un esordio indimenticabile per il portiere ceco che dopo 124 presenze in nazionale, 5 scudetti nel campionato inglese e 3 Champions league, ha ottenuto un posto in una squadra di quarto livello dell’Hockey inglese. Per farlo però ha dovuto prima sostenere un provino, superato ampiamente e che ha dato il via libera al suo tesseramento. Di questo passo Cech potrebbe superare se stesso alla voce rigori parati. Nei suoi anni calcistici ha neutralizzato 17 tiri dal dischetto.

DA CECH A LENO: QUANDO IL MESTIERE DI PORTIERE SI FA PERICOLOSO

La passione di Cech

Un ritorno alle origini per Cech che a 13 anni giocava sia a hockey che a calcio. Dopo aver scelto quest’ultimo sport, la passione non è mai tramontata. In Inghilterra Cech ha sempre seguito le partite di hockey sul ghiaccio a Guilford e da grande appassionato anche della NHL. Al momento dell’annuncio della sua nuova esperienza, il portiere aveva dichiarato: “Non cambio lavoro. Prima da calciatore professionista non potevo giocare a hockey per ovvie ragioni. Ora posso riprendere il filo che ho interrotto da giovanissimo. A 20 anni di calcio sarà un’esperienza formidabile per me giocare lo sport che più ho amato da bambino. Spero di poter aiutare la mia giovane squadra a raggiungere gli obiettivi stagionali e di vincere più partite possibile”. Intanto Petr Cech non ha lasciato definitivamente il calcio infatti è attualmente anche consulente tecnico del Chelsea.

SHARE