SHARE
Dries Mertens, Napoli-Bologna - Fonte Twitter account ufficiale SSC Napoli
Dries Mertens, Napoli-Bologna - Fonte Twitter account ufficiale SSC Napoli

L’aggancio e poi il sorpasso. Dries Mertens supera Diego Armando Maradona e mette nel mirino Marek Hamsik per diventare il migliore marcatore nella storia del Napoli. 116 gol realizzati, ne mancano solo cinque per agganciare l’ex capitano slovacco. Il sorpasso a Diego Maradona arriva in una delle serate più importanti degli ultimi anni nonostante le premesse. Aurelio De Laurentiis ribadisce la ferma volontà di non fare ulteriori sforzi per trattenere il calciatore, una scelta dichiarata a poche ore dal match.

MERTENS, IL GOL PIU’ BELLO DELL’ATTACCANTE

In scadenza di contratto e con la Cina che chiama, Mertens non accetta distrazioni e trascina il Napoli alla vittoria. Espugnata la Red Bull Arena che non conosceva sconfitta da 70 partite, 13 in Europa. Un’impresa sottovalutata dai media nazionali ma che proietta il Napoli verso la qualificazione agli ottavi. Serviva una vittoria di carattere, di spessore ed è arrivata grazie ai gol di Dries Mertens, non più falso nueve da tempo.

Mertens, implacabile anche senza Sarrismo

Da quando Sarri decise di schierarlo come attaccante centrale, l’attaccante belga non si è più fermato. Una rinascita calcistica con pochi precedenti. Già sette i gol realizzati quest’anno, 4 in Serie A e 3 in Europa, a dimostrazione che la freddezza e la capacità di vedere la porta non sono legate al Sarrismo. Mertens segna e fa segnare anche con un nuovo assetto tattico. Arrivato a Napoli nell’estate del 2013, ha guadagnato pian piano spazio diventando fondamentale per la squadra azzurra. Prima da esterno e poi da punta. Prima uomo assist ora attaccante implacabile.

Quasi 300 presenze e 75 gol solo nelle ultime tre stagioni. Un’esplosione clamorosa. E viene da pensare, dove sarebbe ora se fosse stato fin da subito uomo d’area? Ma non c’è tempo per festeggiare, ora l’obiettivo da lui dichiarato è superare Hamsik entro Natale. Con o senza rinnovo poco importa, Mertens vuole entrare definitivamente nella storia del Napoli.

SHARE