SHARE
Napoli Ancelotti clima teso FOTO Twitter MrAncelotti

Clima teso Napoli Ancelotti: calciatori in rivolta contro il ritiro imposto da De Laurentiis mentre Ancelotti diserta la conferenza stampa dopo il Salisburgo.

La situazione Napoli Ancelotti è molto complicata. Il pareggio contro il Salisburgo di martedì sera per la 4/a giornata della fase a gironi non ha migliorato le cose e tutto sta precipitando all’improvviso. In seguito ai recenti risultati negativi – conditi anche da sviste arbitrali e da evidenti cali di concentrazione dei giocatori – il presidente Aurelio De Laurentiis aveva imposto ad Insigne e compagni il ritiro, scattato dopo la sconfitta di sabato scorso in casa della Roma. Gli azzurri sarebbero dovuti restare nel loro centro tecnico di Castel Volturno fino alla sfida di sabato 9 novembre in casa contro il Genoa. Ma dopo l’1-1 di Napoli-Salisburgo nessuno di loro è salito sul pullman che avrebbe dovuto condurli in sede. Nemmeno Ancelotti, che tra l’altro ha disertato a sua volta la conferenza stampa post-partita indetta dalla UEFA ed alla quale è obbligatorio partecipare.

Il Napoli regredisce, la Roma cresce: Fonseca stende Ancelotti

Napoli Ancelotti, il tecnico diserta la conferenza post-gara

Davanti a telecamere e taccuini non c’erano né l’allenatore né Fernando Llorente, come invece inizialmente previsto. Questa cosa costerà al Napoli una multa. Ancelotti poi si è recato a Castel Volturno in nottata assieme al suo staff. Ma come detto, non c’erano i giocatori, i quali hanno mostrato un aperto dissenso contro la decisione di De Laurentiis di istituire il ritiro. Per questa mattina è prevista una seduta di allenamento alle 11:00, mentre domani la squadra sosterrà una ulteriore seduta al ‘San Paolo’ a porte aperte. Una scelta presa dalla dirigenza e confermata dal proprio addetto stampa, Guido Baldari. È presumibile che avvenga anche un confronto tra De Laurentiis ed Ancelotti.

Infortunio Malcuit | tempi di recupero del difensore del Napoli | FOTO

Nessuno dei calciatori va in ritiro, ora serve un chiarimento

Qualcuno paventa l’ipotesi di dimissioni da parte dell’allenatore, ma sembra difficile che un vincente come lui possa mollare alle prime difficoltà insorte. Il pareggio col Salisburgo non pregiudica il cammino in Champions del Napoli, che vanta comunque possibilità molto buone di approdare agli ottavi. Ed in campionato c’è tempo per agganciarsi almeno al treno delle compagini che aspirano a piazzarsi dal quarto posto a salire. Serve trovare unità di intenti e sedare questa ribellione evidente da parte della squadra. Senza tranquillità non si va da nessuna parte.