SHARE
cinque cose Champions League

La seconda serata del quarto turno di questa edizione della Champions League è ormai in archivio e, come in ogni occasione, le emozioni non sono certo venute meno. Tra squadre già qualificate, altre ancora in attesa del verdetto, gol stratosferici e altri eventi importanti, abbiamo raccolto cinque cose da ricordare dell’ultimo intrigante mercoledì sera della competizione più bella d’Europa.

Cinque cose da ricordare della serata di Champions League

Rodrygo scatenato

Il calcio europeo ha scoperto – non da oggi – una nuova stella: il brasiliano Rodrygo del Real Madrid ha brillato definitivamente con una prestazione sontuosa contro il Galatasaray, con 3 gol e un assist. Il giovane carioca ha letteralmente stracciato alcuni record nel corso della scorsa serata. Rodrygo è diventato il giocatore che può vantare la doppietta più veloce nella storia della Champions League. I suoi primi 2 gol – arrivati tra il minuto 4 e il minuto 7 – rappresentano infatti un primato. “Rodrygol” – com’è stato da poco ribattezzato – è entrato anche nella Top 3 dei giocatori più giovani a segnare una tripletta in una gara ufficiale di Champions League. Si è piazzato infatti al secondo posto (dietro Raul e davanti a Rooney) con 18 anni e 301 giorni d’età.

E ancora: Rodrygo ha siglato oggi il cosiddetto “hattrick perfetto“, ovvero la tripletta segnata con un gol di destro, uno di sinistro e uno di testa. Così facendo è diventato il più giovane giocatore nella storia della competizione a confezionarne uno. Precedentemente, il più giovane era stato Mbappé, che però c’era riuscito a 20 anni e 306 giorni.

Le scuse di Son

Stella Rossa-Tottenham ha visto gli inglesi prevalere con un secco 0-4 in trasferta. Protagonista della gara il sudcoreano Son, autore di una doppietta. In occasione della prima rete siglata, il calciatore degli Spurs si è reso protagonista di un gesto molto nobile. Dopo esser stato coinvolto in maniera più o meno diretta nel gravissimo infortunio di André Gomes dell’Everton, il ragazzo ha infatti esultato scusandosi – a mani giunte – dinanzi alla telecamera. Un modo per omaggiare l’avversario portoghese, il quale dovrà stare fermo per molti mesi, riuscendo però a tornare in campo.

Lo stesso Son, peraltro, guadagna un primato personale. Con la doppietta di ieri è diventato infatti il giocatore con più gol in Champions League nella rosa attuale del Tottenham.

Il Ronaldo furioso

Durante Lokomotiv Mosca-Juventus, con il risultato ancora sull’1-1 prima della rete di Douglas Costa, Cristiano Ronaldo è stato protagonista di un’uscita piccata dal campo. Il fuoriclasse portoghese, sostituito da Sarri al minuto 81, ha infatti mostrato rabbia e insofferenza all’uscita dal rettangolo di gioco.

QUANDO GIGGS E CRISTIANO RONALDO LITIGARONO PER UNA COCA COLA

A fare da pompiere ci ha pensato però il tecnico Maurizio Sarri, il quale ha rivelato un’altra verità rispetto alla reazione rabbiosa gratuita. “Non sta benissimo, da qualche giorno ha un piccolo disordine al ginocchio che gli comporta un affaticamento all’adduttore. A fine primo tempo era nervoso, poi nel secondo durante un’accelerazione ha fatto un movimento che non mi è piaciuto. Ho avuto paura che si facesse male e l’ho sostituito”, spiega l’allenatore a Sky Sport.

Un allarme dunque non solo per i tifosi della Juventus ma anche per i fantallenatori di tutta Italia. Che tutto ciò sia il preludio a un’esclusione del giocatore contro il Milan?

Icardi non si toglie il vizio

Il PSG ha ritrovato la vittoria in Champions League grazie all’ennesima rete di Mauro Icardi. L’ex centravanti di Sampdoria e Inter sta mantenendo una media gol da fuoriclasse puro. L’argentino, infatti, ha segnato 8 reti in 9 partite con la maglia del club parigino.

DALL’ARGENTINA ALL’ITALIA: IL TANGO DEL GOL DA HERNAN CRESPO A MAURO ICARDI

Un dato ancora più curioso riguarda la coppia formata dall’albiceleste e da Mbappé. Il duo, infatti, ha segnato da solo tutti gli ultimi 13 gol del PSG. Per la precisione, 7 sono proprio di Icardi mentre 6 sono del prodigioso talento francese. Al di là del partner, comunque, Icardi sembra essersi finalmente ambientato a Parigi, dimostrando per l’ennesima volta a suon di gol il suo valore.

Il nuovo ruolo di Walker

Curioso avvenimento anche durante Atalanta-Manchester City. Partito titolare, Ederson (il primo portiere dei Citizens) è stato sostituito da Claudio Bravo. Il cileno, però, nella seconda frazione si è fatto espellere. E in porta è dovuto andare un giocatore di movimento, ovvero il terzino Kyle Walker. Un ruolo ovviamente insolito e once in a lifetime per l’ex giocatore del Tottenham. La particolarità? Walker non solo è rimasto imbattuto per quasi 20′ ma ha conquistato anche un piccolo primato durante la partita.

LE FOLLI SPESE DI GUARDIOLA PER LA DIFESA DEL MANCHESTER CITY

Rispetto ai suoi colleghi di (diverso) ruolo, infatti, Walker è stato in grado di compiere una parata, cosa che né Ederson né Bravo erano stati costretti a fare. Magari un’indicazione in più per un amante degli esperimenti come Guardiola: Ederson a centrocampo e Walker in porta, si può fare!