SHARE
Politano infortunio
Politano infortunio FOTO Twitter @Inter

Situazione Politano infortunio: l’attaccante esterno dell’Inter ha rimediato un incidente di gioco nella trasferta di Champions contro il Borussia Dortmund.

Infortunio per Matteo Politano in occasione della sfortunata e roboante sconfitta che l’Inter ha rimediato martedì 5 novembre in casa del Borussia Dortmund. L’esterno offensivo scuola Roma era subentrato a Romelu Lukaku al 73′ della sfida di Champions League valevole per la 4/a giornata della fase a gironi. Nel breve volgere di pochi istanti però l’ala nerazzurra si è fatta mala, completando i circa 20 minuti e poco più della partita.

Poi però ha abbandonato il campo zoppicando in maniera vistosa. Gli esami strumentali svolti nella tarda mattinata di giovedì 7 novembre purtroppo non sono positivi per lui e per l’Inter. L’esito della visita di controllo svolta presso la clinica ‘Humanitas’ di Rozzano hanno mostrato una distorsione della caviglia sinistra. L’infortunio di Politano farà si che il giocatore resti giocoforza fuori causa almeno fino a dopo la sosta per le nazionali di metà novembre. Poi le sue condizioni saranno valutate alla ripresa del campionato.

Sebastiano Esposito, il campioncino dell’Inter: biografia e carriera

Politano infortunio, il comunicato dell’Inter

L’Inter ha rilasciato una nota ufficiale in merito, pubblicata sui suoi canali web ufficiali. Il club nerazzurro scrive quanto segue. “Esami clinici e strumentali, tra ieri e questa mattina, per Matteo Politano presso l’Istituto Humanitas di Rozzano. Gli accertamenti hanno evidenziato una distorsione della caviglia sinistra. Le condizioni di Politano, che nella prima fase di trattamento avrà la caviglia immobilizzata, saranno rivalutate nelle prossime settimane”. Il 26enne romano non sarà a disposizione di Antonio Conte per Inter-Verona in programma sabato 9 novembre alle 18:00. Al tecnico nerazzurro resta al momento soltanto il giovane Sebastiano Esposito come riserva del duo d’attacco Lukaku-Lautaro Martinez, con la possibilità di adattare poi in qualche posizione più offensiva anche Antonio Candreva.

Inter, paradosso Lukaku: differenza abissale tra serie A e Champions, i numeri