SHARE
Oscar Tabarez Uruguay
Oscar Tabarez Uruguay FOTO Twitter Uruguay

Che impresa: il binomio Oscar Tabarez Uruguay ulteriormente compattato dal primato ottenuto dall’esperto ct, alla guida della Celeste da tanto tempo.

Grande traguardo quello raggiunto da Oscar Washington Tabarez. L’inossidabile commissario tecnico dell’Uruguay ha raggiunto le 200 panchine con la Celeste. Un primato toccato grazie all’amichevole che Diego Godin e compagni giocano venerdì 15 novembre contro l’Ungheria. Il ct, 72 anni, ricopre questo ruolo in maniera ininterrotta dal 2006, dopo essersi seduto tra l’altro già in una prima esperienza sulla panchina del suo Paese, dal 1988 al 1990. E non a caso ormai il binomio Oscar Tabarez Uruguay è diventato praticamente inscindibile. Attualmente l’ex allenatore di Cagliari e Milan (ai rossoneri per qualche mese in quella che fu una sfortunata esperienza nel campionato 1996/1997) è legato alla Federazione uruguaiana fino al 2022. E quindi di tempo per migliorare il record appena conquistato ce n’è ancora.

Lippi dimissioni | “Giusto dimettermi se giochiamo cosi | non voglio rubare soldi”

Oscar Tabarez Uruguay, l’età e la salute non sono un peso

Soprannominato ‘El Maestro’, sia per la conclamata esperienza maturata dal 1967 al 1979 come calciatore e successivamente dal 1980 in poi come allenatore, Tabarez in passato ha superato anche dei problemi di salute anche importanti. Infatti a luglio del 2016 lui stesso ha svelato di essere affetto da una neuropatia cronica che ha attaccato il sistema motorio. Difatti in alcune occasioni ha avuto bisogno di supporti come una sedia a rotelle. Nonostante ciò, le facoltà mentali, le motivazioni e la voglia di allenare e di insegnare calcio sono ancora al massimo. Le 200 panchine con l’Uruguay entrano di diritto anche nel Guinness dei Primati, poiché nessun commissario tecnico è stato capace fino ad oggi di conseguire un periodo talmente longevo alla guida della stessa nazionale. Tabarez e l’Uruguay puntano decisi ai Mondiali 2022, magari per vincere, come era stato nella sorprendente Coppa America 2011.

SHARE