SHARE
karim benzema algeria

Karim Benzema è uno dei migliori attaccanti al mondo, e su questo non ci piove. Ma le porte della Francia sono chiuse da tempo per lui, il perché è ormai storia. Nel 2015 rivelò di aver ricattato Valbuena, oggi all’Olympiacos, perché in possesso di alcuni suoi filmini a luci rosse. Così la Federazione decise di tagliarlo fuori dalle convocazioni. Nonostante questo, Valbuena ha detto più volte di essere pronto a far pace, ma a patto che sia lui a cercarlo. In questi giorni, complice la sosta dei campionati per far spazio alle nazionali, il numero uno della federazione transalpina, Noel Le Graet, ha ribadito ancora una volta questa chiusura totale nei confronti di Benzema ha dichiarato: “E’ un grande calciatore, uno dei migliori nel suo ruolo, ma la sua avventura in Nazionale è finita”.

Il centravanti dei Blancos non ci sta e, tramite il proprio profilo Twitter, ha ribattuto proponendosi all’Algeria, nazione che ha dato i natali ai suoi genitori, scrivendo: “Solo io metterò fine alla mia carriera internazionale. Se pensi che ho chiuso fammi giocare in uno dei paesi per i quali sono idoneo e vedremo”. Ma a quanto pare per lui sono chiuse le porte anche dell’Algeria, fresca campione della Coppa d’Africa estiva con il milanista Ismael Bennacer votato miglior giocatore della competizione.

GUARDIOLA, IL MANCHESTER CITY E IL MISTERO DELLA CLAUSOLA D’USCITA

Benzema, l’Algeria dice no

Djamel Belemdi, numero uno del calcio algerino, intervistato da DZFoot, ha parlato degli attaccanti che indossano la maglia “Delle volpi del Deserto” e ha commentato anche questa questione che riguarda Benzema. Secondo lui la Nazionale algerina non ha bisogno di un altro attaccante, anche se fortissimo come il numero nove del Real Madrid: “Ho giocatori come Bounedjah, Slimani, Delort e Soudani. Sono contento degli attaccanti che abbiamo in squadra”. Quindi, nonostante i gol a grappoli e le buone prestazioni con la maglia del club spagnolo, per Benzema sembrano chiuse le porte sia della Francia che dell’Algeria.

A breve compirà 32 anni e in Liga sta dimostrando di essere ancora fortissimo. Un giocatore come lui farebbe la differenza in qualsiasi Nazionale, anche quella francese, campione del mondo nel 2018 in Russia. Ma sappiamo come in certe federazioni il comportamento di un calciatore spesso fa la differenza. Benzema in campo non crea discussioni, fuori però ne ha combinate diverse che in Francia proprio non hanno digerito. E così il suo rapporto con la Nazionale è segnato, a meno che non trovi nel suo albero genealogico altre cittadinanze.

TANKOVIC-GENOA, CHI E’ IL SOSTITUTO DI KOUAME: PROFILO E CARATTERISTICHE

SHARE