SHARE
ben arfa genoa
Fonte: Twitter

L’infortunio di Christian Kouamé è un enorme problema per il Genoa e per Thiago Motta. In Nazionale l’attaccante ha riportato la rottura del legamento del ginocchio sinistro, anche se manca ancora la comunicazione ufficiale. Si è fatto male in Nazionale, la Costa d’Avorio, durante la Coppa d’Africa Under 23 in Egitto. La notizia è arrivata velocemente in Liguria e ha gettato subito nello sconforto la tifoseria e il club, che già non aveva preso benissimo la sua partecipazione al torneo nel bel mezzo del campionato. Figuriamoci adesso qual è il morale in casa rossoblu…

Kouamé resterà fuori almeno sei mesi; in sostanza, la sua stagione potrebbe essersi già conclusa. Thiago Motta e la società sono al lavoro per capire se è il caso o meno di intervenire sul calciomercato fra gli svincolati. Qualche nome interessante c’è, su tutti Hatem Ben Arfa, rimasto senza contratto dopo la stagione al Rennes. Nel 4-2-3-1 del tecnico italo-brasiliano Kouamé stava giocando da trequartista, dietro la punta o esterno a sinistra. Il francese può agire in quei ruoli ma preferibilmente dall’altro lato poiché è un mancino naturale. Un talento purissimo che però non si è mai imposto ad alti livelli a causa di un carattere molto difficile da gestire.

BEN ARFA, UNA TRISTE STORIA TRA DISCRIMINAZIONE E MOBBING

La carriera di Ben Arfa

Una carriera piena di alti e bassi quella di Ben Arfa. Qualità fuori dal comune ma con un grande limite: il carattere. Nato in Francia nel 1987, ha origini tunisine: come alcuni dei più migliori giocatori francesi, è cresciuto nell’accademia di Clairefontaine, la più importante e famosa di tutta la Francia. Gioca con Lione e Marsiglia nei primi anni di carriera, e lo fa egregiamente; poi il passaggio al Newcastle, in Premier League, e i primi problemi: fisici, di ambientamento e caratteriali. Va in prestito all’Hull City ma è una stagione da dimenticare completamente.

Torna in Francia, al Nizza: è il 2015 e piano piano riesce a ritrovare la forma migliore, in ogni senso. E gioca bene, anzi benissimo, tanto che a fine anno, da svincolato, decide di prenderlo il Paris SaintGermain, che gli offre un contratto di due anni. Al secondo anno ricominciano i soliti problemi: viene messo fuori rosa e attende soltanto la scadenza del contratto per ripartire. Nel 2018 va al Rennes, contratto di un anno. Buona continuità e buone prestazioni, ma non rinnova. Ora è libero e il Genoa ci starebbe facendo un pensierino.

BEN ARFA MAI CONVOCATO DAL PSG: NON E’ CAMPIONE DI FRANCIA

SHARE