SHARE
milan napoli

Milan-Napoli a San Siro non può essere una gara come le altre. Questa sfida si differenzia dal passato perché la squadra rossonera è ben lontana da quella di un tempo, fosse anche quello di Allegri dell’ultimo scudetto (non così glorioso nel gioco). Una società che non sembra in grado di deporre il cartello “lavori in corso”. Le milanesi stanno tornando, dicono. La verità è che a oggi soltanto l’Inter pare aver fatto i primi passi, seppur traballanti in Europa.

Leggi anche: Granit Xhaka per il Milan? Le caratteristiche tecniche del calciatore

E il Napoli? Le carte in regola ci sono ma lo spogliatoio, descritto come una polveriera a giorni alterni da almeno 10 anni, è infine esploso. In città si gioca a puntare il dito, con la massa che, come fatto con Benitez, si diletta a schernire chi vanta un curriculum imponente come Ancelotti (e titoli di studio come Davide). Il passato non conta. Napoli vive nel presente, anzi nell’istante. Si amano i Sarri (dopo più di un anno), così come si piangono i Mazzarri (odiati per il difensivismo nel mentre). L’unico a salvarsi in questo vortice è Reja, che si bea dell’automatica dolcezza di cui si arricchiscono i ricordi d’infanzia.

LEGGI ANCHE: Napoli, cronistoria di una profonda crisi

Questo Napoli può vincere a San Siro? Certo. Ci riuscirà? Ecco, questa è ben altra domanda e le statistiche e curiosità relative a Milan-Napoli, in programma sabato 23 novembre alle ore 18.00, lasciano pensare che il fato sia lì pronto a tirare l’ennesimo brutto scherzo. Un po’ come il rigore / gol dell’Atalanta descritto come errore (dietro diretta domanda) molti giorni dopo.

LEGGI ANCHE: Napoli, quando il curriculum pesa troppo

Milan Napoli: precedenti, statistiche e curiosità

Iniziamo col dire che Ancelotti non ha mai perso contro Stefano Pioli in serie A. Quale volta migliore per regalarci una splendida eccezione? Milik non convocato, il che lascia solo Mertens a tentare di mettere al sicuro il record di legni in serie A. Al momento sono nove, con il belga che, con una precisione millimetrica che neanche Ronaldinho ai tempi di Joga Bonito, ne ha già beccati quattro.

Guardando al fronte Milan però il tutto diventa molto più divertente. Contro chi avrà mai segnato Suso il suo primo gol in serie A? Esatto, il Napoli. Quel Suso criticato da Salvini, al centro delle polemiche in casa Milan da inizio stagione. Quel Suso che si stazionerà lì sulla fascia mancina del Napoli, dove un titolare di peso manca da 3 anni. Se tutto ciò non dovesse bastare, Piatek festeggerà le 50 presenze in serie A. Per i nostalgici di Napoli-Genoa e Torino-Napoli, ecco l’ultima perla: per 21 gare il risultato finale di Milan-Napoli è stato 0-0. È in assoluto il più frequente.

P.S. Nel caso ve lo steste chiedendo. Sì, è proprio Zielinski è il recordman di questa stagione per numero di tiri senza gol. Siamo già a quota 27.

Leggi anche: Zielinski, sempre titolare ma i numeri lo inchiodano

di Luca Incoronato

SHARE