SHARE
david martin

Tra gol, spettacolo e una classifica sempre più guidata dal Liverpool, il protagonista della giornata di Premier League è David Martin, terzo portiere del West Ham United, squadra per la quale fa il tifo fin da quando era bambino. A causa dell’infortunio del portiere titolare Fabianski e le prestazioni poco convincenti del suo vice Roberto, Manuel Pellegrini ha deciso di schierarlo titolare nel match di Stamford Bridge contro il Chelsea di Frank Lampard. I Blues sono un avversario, sulla carta, quasi proibitivo per gli Hammers di questo periodo. Fino al quel momento David Martin non aveva mai giocato in Premier League. Teso e agitato, il compagno di squadra Aaron Cresswell, nonché autore del gol vittoria, ha dichiarato di averlo preso in giro più volte perché ha sentito talmente tanto la pressione da “non riuscire a mangiare nei giorni precedenti al match”.

LEGGI ANCHE: I’m forever blowing bubbles, l’inno del West Ham

David Martin, un esordio da clean sheet

In tribuna allo Stamford Bridge c’è il padre di David, un certo Alvin Martin, figura leggendaria per i tifosi del West Ham che durante la partita dedicano qualche coro anche all’ex giocatore. I supporters degli Hammers non dimenticano le 19 stagioni passate in maglia claret and blue culminate con la vittoria del FA Cup nel 1980. Passa il tempo, ma la porta di David sembra stregata per i Blues che provano insistentemente nel cercare il gol del vantaggio, ma trovano l’opposizione dell’estremo difensore. I padroni di casa sembrano aver mollato la presa all’inizio del secondo tempo e vengono puniti da un gol del terzino Aaron Cresswell che porta in vantaggio gli ospiti. Lampard si gioca tutte le carte a sua disposizione inserendo dalla panchina Willian e Hudson-Odoi. Nonostante l’ingresso di due giocatori molto offensivi, il risultato però non cambia. Il West Ham espugna Stamford Bridge 17 anni dopo l’ultima volta.

david martin west ham

L’emozione di David Martin

Le telecamere non riprendono però l’autore del gol. Ci mostrano un ragazzo con la maglia verde degli Hammers che si è accasciato a terra scoppiando in un pianto liberatorio. È proprio David Martin e ha festeggiato il suo esordio in Premier con un “clean sheet” contro uno degli avversari più temibili di tutto il campionato. Dopo aver ricevuto i complimenti di tutti i suoi compagni, David Martin è salito in tribuna e ha abbracciato il padre visibilmente commosso. Una scena rimasta impressa nella mente di tutti i tifosi.

A 33 anni non si sa quale possa essere il futuro di David all’interno della rosa. Quando Fabianski tornerà ad essere arruolabile probabilmente si siederà nuovamente in panchina e continuerà a dare supporto ai suoi compagni. La partita allo Stamford Bridge però resterà per sempre la pagina più bella della sua carriera.
di Alberto Zaina
SHARE