SHARE
gianluca petrachi

Nonostante i buoni risultati arrivati sul campo, la Roma rischia di subire problemi a livello dirigenziale. Questo perché il Direttore Sportivo Gianluca Petrachi potrebbe essere squalificato dalla Procura Federale. La vicenda risale a qualche mese fa. Si teme, sostanzialmente, che Petrachi abbia iniziato a lavorare per la Roma prima di finire il suo incarico a livello contrattuale con il Torino. Qualora la Procura riuscisse a dimostrare questo, il dirigente non se la caverebbe con una semplice multa (come invece sperava il club giallorosso) ma rischierebbe addirittura l’inibizione.

Petrachi, il DS della Roma a rischio squalifica: la situazione

gianluca petrachi

La Procura della FIGC ha infatti chiesto una proroga delle indagini dopo che il termine del procedimento era stato indicato per fine novembre. La proroga in questione potrebbe durare anche fino a 60 giorni. La stessa Procura sta ascoltando moltissimi testimoni – tra cui dirigenti, per l’appunto, di Roma e Inter e alcuni agenti di calciatori, tra cui quello di Dzeko – per cercare di avere un quadro maggiore della situazione.

Sicuramente Petrachi rischia qualcosa, almeno così fa pensare il prolungamento delle indagini. In una visione più ottimistica della situazione, Petrachi verrà deferito, magari con una sanzione di qualche mese. Qualora Petrachi venisse squalificato o inibito, non solo non potrà più entrare negli spogliatoi durante le gare ufficiali ma, ovviamente, non potrà portare avanti operazioni di calciomercato. In generale, Petrachi sarebbe escluso da ogni attività da portare a termine come dirigente della Roma. Il sospetto, peraltro, sembra quello di un’indagine iniziata proprio grazie a una segnalazione da parte del Torino. Il club non avrebbe infatti gradito la situazione e il tutto potrebbe essere partito proprio da un esposto dei granata. In ogni caso il destino di Petrachi è ancora incerto e prima di qualche settimana di certo non ci saranno novità. In un senso o nell’altro.

NIKE ROMA, ZANIOLO E COMPAGNI RIDIPINGONO LE DIVISE

SHARE